• martedì 25 giugno 2024
  • Aggiornato alle 06:00
Lettera per il Cliente - Fondo Bilaterale EBIPROF-CADIPROF: come aderire

Con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterLa al corrente che – per quest’anno – per aderire al Fondo bilaterale EBIPROF-CADIPROF è necessario versare una quota una tantum per la prima iscrizione dei lavoratori pari a € 24,00, tramite F24 con un’univoca causale contributo “ASSP”. Mentre il contributo ordinario da corrispondere per 12 mensilità è pari a € 29,00 per dipendente. Il datore di lavoro che omette il versamento delle quote destinate alla bilateralità è tenuto a corrispondere ad ogni lavoratore un elemento aggiuntivo della retribuzione pari a € 43 per 14 mensilità rientrante nella retribuzione di fatto del lavoratore che andrà ad incidere su tutti gli istituti retributivi di legge e contrattuali, compresi quelli indiretti o differiti, incluso il trattamento di fine rapporto.

Lettera per il cliente a cura di Daniele Bonaddio | 25 Giugno 2024
Fondo Fapi: al via la formazione finanziata per le piccole imprese aderenti

Il Fondo Fapi (Fondo Formazione Piccole Medie Imprese) ha pubblicato l’Avviso n. 4/2024 (disponibilità finanziaria pari ad € 1.000.000), con il quale punta a finanziare piani formativi che dimostrano:

  • lo sviluppo di azioni di consolidamento, miglioramento, ri-organizzazione, di processi di innovazione;
  • la presenza di interventi mirati a salute e sicurezza sul lavoro, tutto a sostegno della competitività dell’impresa e dell’occupazione dei lavoratori.
Circolare monografica a cura di studiomarini.net | 25 Giugno 2024
Ricorso al Fondo di garanzia INPS: la liquidazione di cooperativa non è equiparabile a procedura concorsuale

La procedura di scioglimento e liquidazione della cooperativa non presuppone lo stato di insolvenza e non è equiparabile ad una procedura concorsuale che istituisce il fondo di garanzia INPS; il provvedimento di scioglimento della cooperativa con conseguente messa in liquidazione  non determina l'inizio della procedura di liquidazione coatta amministrativa, poiché tale norma presuppone il mancato perseguimento dello scopo mutualistico, l'impossibilità di raggiungerlo, l'inattività della cooperativa o il mancato deposito dei bilanci per un biennio.

Commento a cura di Studio tributario Gavioli & Associati | 25 Giugno 2024
Un altro anno di vita per il vincolo sportivo
Il provvedimento ieri in Consiglio dei ministri.  Proroga fino al 30 giugno 2025 per tutti i tesserati ante riforma (prima del 1° luglio 2023)
di Michele Damiani
Carta blu Ue, pronto il nuovo modello
di Daniele Cirioli
Agenti in continua discesa
AGENTI E RAPPRESENTANTI

Agenti in continua discesa

di Simona D'Alessio
Contrattazione collettiva
CONTRATTAZIONE COLLETTIVA DI LAVORO

Sintesi CCNL Acconciatura/Estetica - Conflavoro

Sintesi CCNL Acconciatura/Estetica - Conflavoro

È on line la nuova scheda di sintesi del CCNL Acconciatura/Estetica - Conflavoro.

La scheda propone i contenuti del contratto collettivo in forma sintetica e tabellare strutturati nelle seguenti voci: dati retributivi, costituzione del rapporto, orario di lavoro, vicende del rapporto, discipline speciali, diritti sindacali, welfare contrattuale, estinzione del rapporto.

Le fonti contrattuali elencate nella parte iniziale della scheda sono disponibili, nel testo integrale, nella sezione CCNL della Banca Dati MySolution|Lavoro.

È possibile inoltre visualizzare, scaricare e stampare il formato pdf della scheda di sintesi.

Aggiornamento | 12 Giugno 2024
CONTRATTAZIONE COLLETTIVA DI LAVORO

Sintesi CCNL Alimentari industria

Sintesi CCNL Alimentari industria

È on line l'aggiornamento alla scheda di sintesi del CCNL Alimentari industria, integrata con il rinnovo del trattamento economico per le aziende olearie.

La scheda propone i contenuti del contratto collettivo in forma sintetica e tabellare strutturati nelle seguenti voci: dati retributivi, costituzione del rapporto, orario di lavoro, vicende del rapporto, discipline speciali, diritti sindacali, welfare contrattuale, estinzione del rapporto.

Le fonti contrattuali elencate nella parte iniziale della scheda sono disponibili, nel testo integrale, nella sezione CCNL della Banca Dati MySolution|Lavoro.

È possibile inoltre visualizzare, scaricare e stampare il formato pdf della scheda di sintesi.

Aggiornamento | 5 Giugno 2024
CONTRATTAZIONE COLLETTIVA DI LAVORO

Sintesi CCNL Alimentari cooperative

Sintesi CCNL Alimentari cooperative

È on line l'aggiornamento alla scheda di sintesi del CCNL Alimentari cooperative relativo a: aumento dei minimi tabellari e dell’indennità per mancata contrattazione di secondo livello, disciplina del periodo di prova e del trattamento di malattia, incremento dei ROL, lavoro a tempo determinato, corsi di specializzazione (patto formativo), contribuzione per la previdenza e l’assistenza integrative.

La scheda propone i contenuti del contratto collettivo in forma sintetica e tabellare strutturati nelle seguenti voci: dati retributivi, costituzione del rapporto, orario di lavoro, vicende del rapporto, discipline speciali, diritti sindacali, welfare contrattuale, estinzione del rapporto.

Le fonti contrattuali elencate nella parte iniziale della scheda sono disponibili, nel testo integrale, nella sezione CCNL della Banca Dati MySolution|Lavoro.

È possibile inoltre visualizzare, scaricare e stampare il formato pdf della scheda di sintesi.

Aggiornamento | 22 Maggio 2024
Consulenza del lavoro
Parità uomo-donna: proroga al 15 luglio 2024 il rapporto biennale 2022-2023

Entro il 30 aprile, con cadenza di almeno ogni due anni, il datore di lavoro pubblico o privato che occupa più di cinquanta dipendenti è tenuto a presentare un rapporto sulla situazione occupazionale, distinguendo tra il personale maschile e quello femminile, relativamente al biennio precedente. La ratio della norma che ha introdotto questo adempimento è da ricondurre alla necessità di individuare eventuali azioni discriminatorie nei confronti del personale di sesso femminile. Si tratta di rendere visibili tutti i fenomeni negativi di sotto-inquadramento, sotto-retribuzione, discriminazione nelle assunzioni e nei licenziamenti, nei processi di crisi, nei prepensionamenti e pensionamenti, inoltrando periodicamente alle consigliere di parità regionali e alle Rsa, una sorta di fotografia aziendale.

Scheda pratica di Massimo Braghin | 14 Giugno 2024
Ticket di licenziamento: contribuzione dovuta per interruzioni di rapporti di lavoro a tempo indeterminato

Il ticket licenziamento è il contributo a carico delle aziende e dei datori di lavoro introdotto dalla cosiddetta Riforma Fornero (art. 2, comma 31, legge n. 92/2012). È dovuto per ogni interruzione di rapporto di lavoro a tempo indeterminato per le causali che, indipendentemente dal requisito contributivo, danno diritto alla NASPI, ad eccezione di quando è il lavoratore a presentare le dimissioni.

L’impresa non è dovuta al pagamento del ticket per il licenziamento neppure nel caso di risoluzione consensuale del contratto di lavoro.

Scheda pratica di Massimo Braghin | 3 Giugno 2024
La previdenza dei lavoratori dello spettacolo

Con il D.Lgs.C.P.S. 16 luglio 1947, n. 708, successivamente ratificato, con alcune modifiche, con L. 29 novembre 1952, n. 2388 è stato istituito l'Ente Nazionale di Previdenza e di Assistenza per i Lavoratori dello Spettacolo (E.N.P.A.L.S.). Aveva il compito di ricevere e gestire i contributi dell'assicurazione generale obbligatoria per invalidità, vecchiaia e superstiti, in favore dei prestatori di lavoro dello spettacolo, sia che svolgevano attività subordinata, para-subordinata o autonoma. Il D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito con modificazioni dalla L. 22 dicembre 2011, n. 214 ne ha disposto la soppressione e ha trasferito all'Inps le relative funzioni. Data la mancanza di continuità nelle prestazioni lavorative nel settore dello sport e dello spettacolo, l’attività lavorativa è regolamentata in modo diverso rispetto a quella ordinaria, ossia quella della quasi generalità dei lavoratori iscritti all’Inps.

Scheda pratica di Massimo Braghin | 3 Giugno 2024
Consulenza aziendale
Adempimenti sicurezza in caso di assunzione

Assumere un lavoratore comporta un insieme di adempimenti obbligatori previsti dall'attuale apparato normativo, che contempla - fra gli altri - alcuni passaggi in materia di salute e sicurezza.

A tal proposito il D.Lgs. n. 81/2008 prevede un elenco di adempimenti obbligatori, comuni a tutti i datori di lavoro.

Dall'individuazione dei soggetti della sicurezza, alle attività di formazione e addestramento, alla verifica dell'idoneità fisica del lavoratore, questi adempimenti si manifestano come l'espressione concreta delle previsioni dell'art. 2087 c.c. e la loro importanza è talmente rilevante da prevedere, in caso di inadempimento, sanzioni anche di natura penale.

Nella presente scheda operativa analizziamo punti di attenzione e peculiarità degli adempimenti obbligatori in materia di salute e sicurezza previsti per ogni datore di lavoro che impiega un nuovo lavoratore in azienda.

Scheda pratica di Barbara Garbelli | 24 Giugno 2024
Whistleblowing e adempimenti privacy

Il nostro ordinamento attraverso il D.Lgs. n. 24/2023 ha recepito, a far data dal 15 marzo scorso, la direttiva UE 2019/1937, che interessa "la protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell’Unione”. Questa norma abrogatoria della precedente disciplina, assume la dimensione di testo unico in materia di regime di protezione dei soggetti che segnalano condotte illecite poste in essere in violazione non solo di disposizioni europee, ma anche nazionali, purché basate su fondati motivi e lesive dell’interesse pubblico o dell’integrità dell’ente.

La nuova disciplina si applica, in via generale, a decorrere dallo scorso 15 luglio 2023. Invece, per i soggetti del settore privato che, nell’ultimo anno, hanno impiegato una media di lavoratori subordinati fino a 249 unità, l’obbligo di istituire un canale interno di segnalazione ha effetto a decorrere dallo scorso 17 dicembre 2023.

Scheda pratica di Barbara Garbelli | 19 Febbraio 2024
Rapporto di lavoro subordinato
Assunzioni agevolate
Risoluzione del rapporto di lavoro
Diritto sindacale
Contratti atipici
Da non perdere
Visite mediche di controllo: l’intervento della giurisprudenza  sulla variazione indirizzo di reperibilità

La Suprema Corte, con l’Ordinanza 28 marzo 2024, n. 8381, è di recente intervenuta sul tema delle visite mediche di controllo (o “fiscali”), fornendo importanti chiarimenti in ordine alla comunicazione da parte del lavoratore della variazione dell’indirizzo di reperibilità ai fini dell’effettuazione della visita di controllo. Dopo aver riepilogato la disciplina vigente in materia, illustriamo il contenuto della decisione.

Circolare monografica di Emanuele Maestri, Eleonora Galbiati | 24 Giugno 2024
Tutto quesiti: Decreto Coesione, le novità in materia di lavoro

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del D.L. 7 maggio 2024, n. 60, recante “Ulteriori disposizioni urgenti in materia di politiche di coesione”, approvato dal Consiglio dei Ministri nella seduta del 30 aprile 2024, tra le nuove disposizioni entrate in vigore spiccano quelle relative al mondo del lavoro, volte a favorire l’occupazione e l’autoimpiego per i lavoratori autonomi.

Dopo la recente videoconferenza nella quale ci siamo dedicati ad analizzare le novità introdotte dal provvedimento, rispondiamo ai quesiti pervenuti in redazione.

Circolare TuttoQuesiti di Francesco Geria - LaborTre Studio Associato | 21 Giugno 2024
Sicurezza sul lavoro: dimensioni aziendali e adempimenti in materia di salute e sicurezza

Conoscere gli adempimenti obbligatori in materia di salute e sicurezza è un tema quantomai attuale: le recenti disposizioni normative introdotte dalla Legge 56/2024 (di conversione del D.L. n. 19/2024, cosiddetto Decreto PNRR4) pongono il tema della salute e sicurezza in ambiente di lavoro al centro dell’attenzione del Legislatore.

Quali sono attualmente gli adempimenti minimi obbligatori per essere in regola con le previsioni del D.Lgs. n. 81/2008?

E ancora, quali semplificazioni sono previste per le aziende di ridotte dimensioni o caratterizzate da basso rischio?

Completeremo, da ultimo, il presente approfondimento con una check list relativa agli adempimenti minimi obbligatori per evitare la sospensione dell’attività imprenditoriale.

Circolare monografica di Barbara Garbelli | 20 Giugno 2024
Somministrazione, appalto e distacco illeciti: indicazioni operative

L’articolo 29, comma 4, del D.L. 2 marzo 2024, n. 19 (convertito da Legge n. 56/2024 ) ha introdotto importanti modifiche all’articolo 18 del D.Lgs. n. 276/2003, che disciplina il regime sanzionatorio in materia di somministrazione, appalto e distacco illeciti.

Al riguardo, con Nota 18 giugno 2024, n. 1091 , l’Ispettorato del Lavoro fornisce le prime indicazioni sulla corretta applicazione delle nuove disposizioni, sulle quali è stato acquisito, nella medesima data, il parere concorde dell’Ufficio legislativo del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali che si è espresso con Nota prot. n. 5898 del 18 giugno 2024.

Prima lettura di Francesco Geria - LaborTre Studio Associato | 19 Giugno 2024
Fondartigianato: interventi formativi per le microimprese e per i progetti aziendali di sviluppo

In data 22 maggio 2024, Fondartigianato ha pubblicato l’Invito n. 1/2024, finalizzato a promuovere le azioni di sostegno al reddito con interventi formativi per le microimprese e per i progetti aziendali di sviluppo (P.A.S.). L’obiettivo è quello di favorire percorsi di orientamento e assesment e così, da un lato, anticipare le esigenze di specializzazione e, dall’altro, scongiurare disallineamenti tra le competenze possedute e quelle richieste, in particolare in chiave green e digital. Nel caso dei P.A.S., le risorse sono destinate a favorire l’introduzione, nei processi aziendali, di innovazioni radicali.

Circolare monografica a cura di studiomarini.net | 18 Giugno 2024