ricerca avanzata

Notizie del 23 gennaio 2019



NEWS - FINE RAPPORTO

Soppressione del posto di lavoro, onere di repêchage, offerta di part time e licenziamento per g.m.o.


La Cassazione - con ordinanza del 21 gennaio 2019, n. 1499 - ha ritenuto legittimo il licenziamento intimato nei confronti del dipendente che, a seguito dell’effettiva soppressione del servizio da lui svolto, rifiuta la proposta di part time avanzatagli dal datore di lavoro.

Nel dettaglio, la Suprema Corte ha sottolineato che la richiesta di trasformazione del rapporto di lavoro costituisce la prova dell’avvenuto tentativo di repêchage da parte dell’imprenditore, a nulla rilevando il fatto che l’azienda abbia assunto un’altra persona dopo un anno.




NEWS - FINE RAPPORTO

Legittima la compensazione dell'incentivo all'esodo con il TFR dovuto


La Cassazione - con ordinanza del 21 gennaio 2019, n. 1513 - ha ritenuto legittimo da parte di un datore di lavoro compensare le somme impropriamente erogate a titolo di incentivo all’esodo con gli importi loro dovuti a titolo di TFR.

Nello specifico, la Suprema Corte ha precisato che non rientra tra le casistiche di compensazione vietate dall’art. 1246 cod. civ., in quanto trattasi di compensazione “atecnica” o “impropria”, nella quale i crediti e debiti nascono dallo stesso rapporto, nella fattispecie di lavoro.

Al riguardo, viene ricordato che l’art. 1246 cod. civ. si riferisce invece alle compensazioni “proprie”, che ricorrono qualora gli importi a debito e credito nascano da rapporti giuridici diversi.




NEWS - DIRITTO DEL LAVORO

La richiesta di chiarimenti della Fondazione Studi CdL sulle agevolazioni contributive 2019


La Fondazione Studi Consulenti del Lavoro - con comunicato stampa del 21 gennaio 2019 - ha reso nota l’avvenuta pubblicazione di una tabella riepilogativa delle agevolazioni contributive in vigore nel 2019, alla luce delle misure introdotte dall’ultima legge n. 145/2018 .

Al riguardo, sono altresì necessarie alcuni chiarimenti interpretativi, che fungano da raccordo tra gli incentivi istituiti nel 2018 e quelli di nuova istituzione (es. quelli previsti, ma non ancora operativi, dal cd. decreto dignità).




NEWS - INPS, DENUNCE E COMUNICAZIONI

Proroga al 1° gennaio 2020 per il passaggio dal sistema DMAG al sistema Uniemens


L'INPS - con Messaggio del 22 gennaio 2019, n. 278 - ha comunicato che per effetto della modifica introdotta dalla legge n. 145/2018 (legge di bilancio 2019), è prorogato al 1° gennaio 2020 il termine previsto per il passaggio dal sistema di invio trimestrale dei dati retributivi e contributivi degli operai agricoli, mediante DMAG, al sistema di invio mensile dei dati medesimi tramite flusso Uniemens.




NEWS - INPS, DENUNCE E COMUNICAZIONI

I nuovi codici contratto all’interno del flusso Uniemens da febbraio 2019


L'INPS - con Messaggio del 22 gennaio 2019, n. 279 - ha reso noto d'aver istituito, con decorrenza dal periodo di paga febbraio 2019, i nuovi codici dell’elemento <CodiceContratto> di <DenunciaIndividuale> del flusso di denuncia Uniemens.

Dalla suddetta data, inoltre:

  • viene variata la descrizione di alcuni codici contratto;
  • vengono disattivati alcuni codici contratto.




NEWS - INAIL, PRESTAZIONI

I primi chiarimenti sull'assicurazione contro gli infortuni in ambito domestico


L'INAIL - con Circolare del 22 gennaio 2019, n. 2  - ha fornito i primi chiarimenti in merito all'art. 1, comma 534 , legge n. 145/2018.

Com'è noto, tali disposizioni hanno ulteriormente ampliato e migliorato la tutela assicurativa delle persone che svolgono, a titolo gratuito e senza vincolo di subordinazione, un’attività rivolta alla cura dei componenti della famiglia e dell’ambiente in cui dimorano, in modo abituale ed esclusivo, vale a dire non svolgono altre attività per le quali sussiste obbligo di iscrizione a un altro ente o cassa previdenziale.

Al miglioramento delle prestazioni erogate in caso di infortunio corrisponde una diversa misura del costo dell’assicurazione, con conseguente aumento del premio assicurativo annuo.

L’importo del premio assicurativo, in relazione all’ampliamento delle prestazioni, è fissato dalla legge in € 24,00 annui.

Le modalità e i termini per assolvere all’obbligo assicurativo, compreso il pagamento del premio, saranno disciplinati dal Decreto MLPS/MEF, su proposta del presidente dell'Inail.

Per l’anno in corso, al fine di garantire la copertura assicurativa e in attesa dell’emanazione del predetto decreto, tenuto conto della scadenza del 31 gennaio 2019 fissata per il pagamento del premio, l’importo da versare entro la predetta data rimane invariato in € 12,91.

Il citato decreto interministeriale provvederà a regolare la richiesta di integrazione del premio per il 2019, al fine di allineare il predetto importo all’ammontare di € 24,00 fissato dalla nuova normativa.

Pertanto, ai fini del rinnovo dell’assicurazione, le persone già iscritte devono versare entro il 31 gennaio l’importo di € 12,91, indicato sulle lettere e sull’avviso di pagamento già recapitati dall’Istituto agli interessati, in attesa della predetta integrazione.




NEWS - CONSULENTI DEL LAVORO

Importanti novità sulla professione dopo gli "Stati Generali" dei Consulenti del Lavoro


In data 11 gennaio 2019 si sono tenuti i cd. "Stati Generali" dei Consulenti del Lavoro, per festeggiare i 40 anni di professione e per immaginare le attività dei prossimi anni.

Tra le novità più rilevanti - emerse dopo l'intervento del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, nonché dello Sviluppo Economico - si segnala:

  • la nuova figura del consulente del lavoro come curatore fallimentare, stante quanto previsto dal decreto legislativo di riforma della crisi d'impresa approvato in CdM il 10 gennaio 2019 );
  • la modifica della normativa inerente la gestione del DURC.




RASSEGNA STAMPA - PREVIDENZA

Riscatto della laurea esteso fino ai 50enni

( Il Sole 24 Ore , pag. 5 , 23 gennaio 2019 )

di Colombo Davide, Rogari Marco


Il sottosegretario al Lavoro, Claudio Durigon, e il viceministro all’Economia, Massimo Garavaglia, hanno annunciato che il riscatto della laurea agevolato verrà esteso fino ai 50enni e avrà un peso anche ai fini del calcolo dell’assegno pensionistico.

Il testo del decreto approvato giovedì scorso dal Consiglio dei ministri, non è ancora stato bollinato dalla Ragioneria generale dello stato, il riscatto della laurea è uno degli ultimi nodi tecnici che il Mef dovrà sciogliere.




RASSEGNA STAMPA - DIRITTO DEL LAVORO

Retribuzioni, responsabilità solidale per il committente

( Il Sole 24 Ore , pag. 21 , 23 gennaio 2019 )

di Zambelli Angelo


La Corte di cassazione, con sentenza 444/2019, ha affermato che c’è responsabilità solidale stretta per il committente nei confronti dei lavoratori dei dipendenti dell’appaltatore.

Nel caso di specie, il tribunale di Firenze aveva accolto il ricorso promosso da una lavoratrice nei confronti della società appaltante per il pagamento di somme retributive.

In secondo grado era stata confermata la pronuncia, mentre la Corte di legittimità ha ribadito che l’obbligazione del committente non può essere considerata né sussidiaria né eventuale, perché solidale con quella del debitore principale.




RASSEGNA STAMPA - POLITICHE SOCIALI

Navigator assunti tra maggio e giugno

( Il Sole 24 Ore , pag. 4 , 23 gennaio 2019 )

di Tucci Claudio


Il presidente Anpal, Domenico Parisi, è intervenuto ieri in commissione Lavoro della camera, per fornire qualche dettaglio in più sui navigator, i professionisti che verranno assunti tra maggio e giugno per orientare coloro che percepiscono il reddito di cittadinanza.

Avranno un contratto di collaborazione di due anni e la loro retribuzione oscilla sui 30 mila euro lordi l’anno. La selezione sarà per titoli e colloqui e tra qualche giorno sarà pubblicata una call sul sito dell’Agenzia nazionale per le politiche attive con un avviso di 15 giorni per le domande.




RASSEGNA STAMPA - LAVORATORI CON CARICHE SOCIALI

Coop, no al recesso per giusta causa

( Il Sole 24 Ore , pag. 21 , 23 gennaio 2019 )

di Porracciolo Antonino


Il tribunale di Roma, con sentenza depositata lo scorso 6 settembre, ha chiarito che il recesso dalla società cooperativa è consentito solo nei casi previsti dalla legge e dall’atto costitutivo.

Altrimenti, il socio non può recedere nemmeno con grave inadempimento della società o per una generica giusta causa.

La legge afferma infatti, secondo il giudice, il «principio di tipicità delle cause di scioglimento unilaterale del rapporto», per cui alle cooperative va escluso il recesso per giusta causa.