Notizie del 22 settembre 2020



NEWS - CONTRATTAZIONE COLLETTIVA DI LAVORO

Siglato l’accordo su rientro in sicurezza e smart working presso le sedi CONI


In data 18 settembre 2020 è stato sottoscritto - da Sport e Salute S.p.A. e dalle Federazioni Sportive Nazionali con le OO.SS. firmatarie del CCNL CONI - l’accordo per la ripresa del lavoro in sicurezza e per assicurare l’accesso al lavoro agile.

Al riguardo, è stato previsto che i dipendenti che hanno il diritto a svolgere la prestazione di lavoro in modalità agile, a condizione che le relative attività si prestino ad essere svolte da remoto, sono:

  • dipendenti disabili nelle condizioni, ex art. 3, comma 3, legge n. 104/1992 o che abbiano nel proprio nucleo familiare una persona con disabilità nelle condizioni previste dalla norma;
  • lavoratori immunodepressi e familiari conviventi di persone immunodepresse;
  • lavoratori per i quali il medico competente, in ragione della loro fragilità, ne disponga o consigli l’adozione;
  • lavoratori genitori del figlio convivente durante il periodo di quarantena obbligatoria per contatti scolastici, ex art. 5 , D.L. n. 111/2020.

Inoltre, i datori di lavoro valuteranno la possibilità di disporre prestazioni di lavoro in modalità agile, in presenza delle condizioni previste dall’art. 1, comma 3 dell’accordo in esame, anche per i dipendenti che non versino nelle condizioni individuate sopra, dando priorità ai lavoratori affetti da gravi e comprovate patologie con ridotta capacità lavorativa e successivamente a coloro che:

  1. siano in situazioni di rischio per la propria salute o dei propri familiari conviventi in relazione a preesistenti condizioni patologiche, tali da rendere inopportuna, per i conseguenti rischi di una possibile esposizione al contagio, la presenza del dipendente medesimo presso la sede di lavoro;
  2. abbiano concluso, entro i tre anni precedenti la data di entrata in vigore del presente accordo, il congedo di maternità previsto dall’art. 16, D.Lgs. n. 151/2001.

I datori di lavoro valuteranno altresì le possibili criticità per i lavoratori, derivanti dall’avvio ancora parziale delle attività scolastiche e da situazioni oggettivamente critiche nell’utilizzo dei mezzi pubblici, in relazione a distanze significative e ai possibili disagi ad esse connesse.




NEWS - CONTRATTAZIONE COLLETTIVA DI LAVORO

Siglato l’accordo nel comparto Scuole Private (AGIDAE)


In data 7 settembre 2020 è stato siglato - tra l’AGIDAE, la FLC CGIL, la CISL Scuola, la UIL Scuola Rua, la SNALS CONFSAL, la SINASCA - l’accordo sindacale commissione paritetica nazionale CCNL Agidae Scuola.

Con riferimento al ricorso alle prestazioni degli ammortizzatori sociali per causa COVID-19 dopo le prime 18 settimane, le Parti stabiliscono la possibilità di corrispondere ai lavoratori un’integrazione pari al 10% della quota oraria FIS o CIGD spettante a ciascun lavoratore, anticipando mensilmente l’assegno ordinario previsto dal FIS.

Nei casi in cui per cessazione dell’attività, i lavoratori restano senza lavoro, ma in FIS o in CIGD in applicazione dell’art. 14 , D.L. n. 104/2020, i datori di lavoro, che fanno ricorso ai trattamenti di integrazione salariale riconducibili all’emergenza epidemiologica da COVID-19, non applicheranno ai lavoratori stessi, quanto disposto dal precedente comma; di conseguenza, ai suddetti dipendenti, non anticipano l’assegno ordinario del FIS o la CIGD (che vengono richiesti con pagamento diretto al lavoratore) e non lo integrano del 10%.




NEWS - DIRITTO DEL LAVORO

Sequestro preventivo e confisca obbligatoria in caso di intermediazione e sfruttamento: i chiarimenti della Fondazione Studi CdL


La Fondazione Studi Consulenti del Lavoro - con Approfondimento del 18 settembre 2020 - ha analizzato quanto previsto dall’art. 603-bis, cod. pen. (così some modificato dalla legge n. 199/2016 ), che ha attribuito, mediante la confisca obbligatoria, maggiore incisività al contrasto dell’azione dei soggetti che accumulano ricchezze attraverso lo sfruttamento del lavoro (es. norme su collocamento, minimi salariali, orari massimi di lavoro).

Al riguardo, la Fondazione ha ricordato come, per eseguire la confisca, sia necessario attendere la irrevocabilità di una sentenza di condanna oppure di applicazione della pena, pronunciata per il reato di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro.

Nell'intervallo di tempo necessario per giungere ad una sentenza di condanna definitiva, al fine di evitare che il datore di lavoro disperda i beni propri e quelli dell’azienda e di assicurare conseguentemente un fruttuoso risultato della confisca, il giudice, già nella fase delle indagini preliminari, potrà disporre la misura del sequestro preventivo, ex art. 321, comma 2, c.p.p.




NEWS - POLITICHE SOCIALI

MLPS: finanziamento del progetto sperimentale per il contrasto della povertà educativa


In data 17 settembre 2020, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato il Decreto Direttoriale n. 307/2020, recante "Modifica al decreto del Direttore generale per la lotta alla povertà e per la programmazione sociale n. 284 del 6 agosto 2020 : PON Inclusione FSE 2014-2020 - Rifinanziamento del progetto RSC per il contrasto della povertà educativa per gli anni 2021-2023".

Nel dettaglio, per l’attuazione del Progetto sperimentale per il contrasto della povertà educativa per gli anni 2021-2023 è autorizzato il finanziamento, a favore delle città di Bari, Bologna, Cagliari, Firenze, Genova, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Roma, Torino e Venezia, della somma complessiva di € 1.800.000,00.




NEWS - IMPOSIZIONE FISCALE

Polizza assicurativa collettiva e regime di tassazione: i chiarimenti dell’AE


L’Agenzia delle Entrate - con risposta ad Interpello del 18 settembre 2020, n. 383 - ha chiarito che, in caso di polizza assicurativa collettiva sottoscritta in favore dei propri dipendenti, che garantisca un capitale alla scadenza di ogni singola posizione individuale o in caso di morte dell'assicurato, i relativi premi versati concorrono a formare il reddito del dipendente a titolo di "fringe benefit", mentre la prestazione erogata alla scadenza è soggetta ad imposta sostitutiva.

Pertanto, i premi versati per finanziare la polizza assicurativa sono da trattare come componente positiva del reddito di lavoro dipendente, e come tali assoggettati a tassazione ordinaria.

Qualora il valore dell'emolumento in natura, sommato al valore di altri eventuali beni e servizi in natura concessi al dipendente nel medesimo periodo d'imposta, non risulti superiore all'importo complessivo di € 258,23, lo stesso non concorrerà alla formazione del reddito imponibile.

Ne consegue che le somme successivamente riscosse dal beneficiario della polizza devono essere assoggettate al regime tributario tipico dei capitali rinvenienti dai contratti di assicurazioni sulla vita. In particolare, con riferimento ai contratti stipulati entro il 30 giugno 2014, deve essere applicata l'aliquota vigente nel periodo di maturazione di tali redditi e pertanto nella misura:

  • del 12,50% per la parte dei redditi maturati fino al 31 dicembre 2011;
  • del 20% per la parte dei redditi maturati dal 1° gennaio 2012 fino al 30 giugno 2014;
  • del 26% sui redditi maturati a partire dal 1° luglio 2014.




NEWS - ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA

Disponibile la procedura di attribuzione dei piani sanitari per il 2021 di Metasalute


Il Fondo sanitario lavoratori metalmeccanici (Fondo Metasalute) - con Circolare del 16 settembre 2020, n. 4 - ha comunicato che dal 17 settembre 2020 è disponibile, all'interno dell'Area Riservata Azienda, la procedura di attribuzione dei piani sanitari per l'anno 2021.

L'adesione a tali piani dovrà essere effettuata entro e non oltre il 16 ottobre 2020.

L’adesione dei lavoratori dipendenti ai piani sanitari 2021 può avvenire solo in forma collettiva, per la totalità o per gruppi omogenei di lavoratori. In azienda possono essere attivati - con accordo o Regolamento aziendale - un massimo di tre piani sanitari l’anno. La contribuzione mensile di ciascun piano è riportata nell’Allegato al Regolamento del Fondo e dovrà essere versata dall’azienda secondo i termini e le modalità previste dall‘art. 10 del Regolamento vigente.




NEWS - ADEMPIMENTI

Contributi sospesi per Covid-19: possibile annullare l'istanza di rateizzazione già protocollata


L'applicazione finalizzata alla rateizzazione dei contributi sospesi per Covid-19 è stata aggiornata con la funzione di “annullamento istanza già protocollata”: lo ha reso noto l'Inps attraverso un comunicato pubblicato ieri sul proprio sito.

La cancellazione di istanza compilata con dati errati può essere effettuata autonomamente dall’utente secondo le modalità operative indicate nel manuale (paragrafo 3.1) disponibile all’interno del servizio.




NEWS - POLITICHE SOCIALI

Al via la commissione per l'assistenza degli anziani


Con un apposito decreto il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha istituito una commissione per la riforma dell'assistenza sanitaria e sociosanitaria della popolazione anziana.

L'organismo sarà presieduto da Mons. Vincenzo Paglia, il quale ha sottolineato che la Commissione rappresenta uno strumento prezioso per favorire una transizione dalla residenzialità ad una efficace presenza sul territorio attraverso l'assistenza domiciliare, il sostegno alle famiglie e la telemedicina.