Notizie del 20 novembre 2020



NEWS - LAVORO AUTONOMO

Tutela del lavoro dei ciclo-fattorini delle piattaforme digitali: i chiarimenti del MLPS


Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – con Circolare 19 novembre 2020, n. 17 – ha chiarito gli aspetti in merito alla tutela del lavoro dei ciclo-fattorini (c.d. riders) delle piattaforme digitali.

Il MLPS ha ricordato che le nozioni di "ciclo-fattorino" e di "piattaforma digitale" sono riferibili sia alla fattispecie di collaborazione coordinata e continuativa etero-organizzata sia di lavoro autonomo occasionale in quanto dotate di valenza generale.

Al riguardo, nel caso in cui i riders, per le concrete modalità operative, lavorino in via continuativa e con attività prevalentemente personale, secondo modalità esecutive definite dal committente attraverso la piattaforma, sarà applicabile la previsione ex art. 2, D.Lgs. n. 81/2015, a prescindere dal fatto che l'etero-organizzazione si eserciti anche con riferimento ai tempi e al luogo di lavoro.

Nello specifico, ricorrendone i presupposti costitutivi, la norma garantisce l'applicazione della disciplina del rapporto di lavoro subordinato, salvo che esistano accordi collettivi nazionali stipulati da associazioni sindacali comparativamente più rappresentative che prevedano discipline specifiche riguardanti il trattamento economico e normativo.

Qualora, invece, i riders lavorino in assenza delle condizioni di subordinazione e dei requisiti previsti dal citato art. 2 , ma svolgano una prestazione di carattere occasionale troverà applicazione il Capo V bis del D.Lgs. n. 81/2015.

Quanto al compenso da erogare, il MLPS ha ribadito che i contratti collettivi abilitati a dettare una disciplina prevalente rispetto a quella legale risultano essere - sia per l'ipotesi di etero-organizzazione, sia per l'ipotesi di lavoro autonomo - quelli stipulati dalle associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale: ciò al fine di contrastare forme di competizione salariale al ribasso.

Deve inoltre ritenersi che il criterio della maggiore rappresentatività comparativa si determini necessariamente avuto riguardo alle parti firmatarie del contratto collettivo nazionale del macro settore produttivo del delivery, al cui interno, in ragione di particolari esigenze produttive e organizzative, si avverte la necessità di prevedere discipline specifiche riguardanti il trattamento economico e normativo dei lavoratori in oggetto.




NEWS - CONTRATTAZIONE COLLETTIVA DI LAVORO

Siglato l’accordo Metalmeccanica PMI (Confimi)


In data 17 novembre 2020 è stato siglato - tra CONFIMI IMPRESA MECCANICA e FIM CISL, UILM UIL - l’Accordo sull’adeguamento economico del CCNL della piccola e media industria manifatturiera metalmeccanica e della installazione di impianti.

I minimi tabellari della classificazione unica, comprensivi dell'Elemento distinto della retribuzione, ragguagliati a mese, con decorrenza giugno 2020, sono quelli riportati nella seguente tabella:

Livello

Minimo

2.555,05

2.298,21

2.113,00

1.969,07

1.835,89

1.714,05

1.642,32

1.481,00

1.341,00

L'importo complessivo degli incrementi da corrispondere da giugno a ottobre 2020 verrà riproporzionato per i lavoratori assunti durante tale periodo, in base ai mesi di occupazione.

Ai lavoratori inquadrati nella la categoria spetta un “sovraminimo” collettivo di categoria, pari ad € 5,16 lordi mensili.

Ai lavoratori inquadrati nell'8.a e nella 9.a categoria spetta un elemento retributivo di € 59,39 lordi mensili.




NEWS - CONTRATTAZIONE COLLETTIVA DI LAVORO

Siglato l’accordo Istituti Investigativi (FEDERPOL)


In data 11 novembre 2020 è stato siglato - tra la FEDERPOL e la FESICA CONFSAL - l’accordo modificativo del CCNL per i dipendenti degli istituti investigativi privati e delle agenzie di sicurezza sussidiaria o complementare.

Con riferimento al lavoro intermittente, al fine di individuare un percorso che renda concretamente attuabile la deroga all'art. 13, comma 3, D.Lgs. n. 81/2015 in tema di numero massimo di giornate complessive di utilizzo del lavoro intermittente, le parti stabiliscono che attraverso la sottoscrizione di contratti collettivi di lavoro a livello aziendale o territoriale, è possibile derogare al limite di quattrocento giornate di effettivo lavoro nell'arco di tre anni solari.

Qualora il dipendente venga chiamato alla prestazione lavorativa, questa può consistere anche in una prestazione di durata inferiore alle 8 ore giornaliere previste per il contratto a tempo pieno, a condizione che ne sia data comunicazione al lavoratore, e quest'ultimo abbia accettato la richiesta dell'azienda.




NEWS - AMMORTIZZATORI SOCIALI

Prevista l’estensione dei periodi di CIG nella Provincia Autonoma di Bolzano - Alto Adige


In data 10 novembre 2020 è stato siglato - tra la Provincia Autonoma di Bolzano/Alto Adige ed i rappresentanti delle Associazioni datoriali ed i rappresentanti delle Organizzazione Sindacali dei Lavoratori - l’accordo quadro locale sui criteri di accesso al fondo territoriale di solidarietà bilaterale della provincia autonoma di Bolzano-Alto Adige per la tutela integrativa di persone in cassa integrazione guadagni.

Al riguardo, è stato precisato che i lavoratori beneficiari delle suddette indennità devono risultare in forza presso il datore di lavoro durante il periodo decorrente dal 13 luglio 2020 sino al 29 ottobre 2020 o ad eventuali nuove decorrenze che dovessero essere stabilite in futuro dalle disposizioni in materia.

Il periodo temporale fissato nel capo I, comma 1 dell’accordo quadro del 10 giugno 2020 è prorogato senza soluzione di continuità per tutto il periodo in cui vige l’emergenza epidemiologica Covid-19 e il relativo dichiarato stato di necessità.




NEWS - FORMAZIONE ON-LINE

Oggi lunedì 23 novembre parte il nuovo Corso Specialistico: Superbonus 110% in pratica. La corretta gestione e i soggetti coinvolti


Oggi 23 Novembre, dalle ore 16.30 alle 18.30, si svolgerà in diretta streaming la 1^ giornata del nuovo Corso Specialistico sul Superbonus 110%: un approccio pratico alle regole e agli adempimenti per l’accesso alla maxi detrazione, con le soluzioni ai casi più ricorrenti.

Il nuovo Corso Specialistico, dal titolo: “Superbonus 110%. La corretta gestione e i soggetti coinvolti”, ha l’obiettivo di presentare ai professionisti una panoramica sulla disciplina normativa del Superbonus 110% per l’efficientamento energetico degli immobili, arricchita da contributi tecnici, al fine di chiarire tutti i dubbi e far luce sui casi pratici più frequenti.

Il Corso Specialistico si svolgerà in 4 incontri, della durata di 2 ore ciascuno, e permetterà di maturare un totale di 8 CFP. Si rivolge a Dottori Commercialisti, soggetti abilitati al rilascio del visto di conformità e operatori del settore.

MySolution mette a vostra disposizione la sua squadra di commercialisti, ingegneri, tecnici, con l’obiettivo di illustrarvi le disposizioni che caratterizzano l’agevolazione nelle sue diverse fattispecie (Ecobonus, Sismabonus, altri interventi con benefici inferiori), dandovi conto delle soluzioni adottate dalle banche, e fornire risposte ai quesiti che vorrete indirizzare ai nostri docenti MySolution.

Ampio spazio sarà dato alle domande dei partecipanti: il quarto incontro sarà infatti tutto dedicato alla soluzione dei quesiti pervenuti durante le dirette. Un modo per rispondere in maniera organica ed esaustiva a tutte le domande più interessanti, e farne patrimonio comune, con un approccio pratico e analitico, grazie anche alla presenza del docente tecnico specializzato. Il Corso prevede infatti la partecipazione di un ingegnere strutturista, per una disamina precisa e puntuale dei requisiti tecnici e delle asseverazioni necessarie per usufruire della agevolazione.

Le iscrizioni sono aperte! Sono previste promozioni e tariffe scontate dedicate agli Abbonati MySolution.

Per partecipare al Corso e ricevere il LINK alla diretta è necessario iscriversi on-line al seguente link:

SCOPRI DI PIÙ e ISCRIVITI

SCARICA LA BROCHURE

Di seguito l’Editoriale di presentazione del Dott. Lelio Cacciapaglia, Coordinatore Scientifico di MySolution|Formazione, ed il dettaglio del programma delle quattro giornate del Corso:

L’Editoriale

“Come è possibile che a distanza di oltre 5 mesi dall’entrata in vigore della norma, di indiscutibile estremo favore, i lavori riferiti all’Ecobonus e Sismabonus, nonché quelli trainati - quali caldaie, infissi, pannelli solari e colonnine di ricarica - non siano ancora decollati?

Ormai da tempo tutti gli strumenti tecnici e giuridici sono operativi: modello e istruzioni dell’Agenzia Entrate per la cessione del credito, ulteriore piattaforma telematica per la cessione successiva alla prima, decreto “Requisiti” e decreto “Prezzi” del Mise, Circolari, Risposte a interpelli dell’amministrazione finanziaria, piattaforma dell’Enea per le comunicazioni del tecnico e FAQ di chi più ne ha più ne metta. Insomma sembrerebbe non mancare nulla. E allora? Manca una cosa fondamentale: sapersi districare in questa autentica giungla di norme, decreti, atti interpretativi, modelli e istruzioni.

Occorre coniugare la teoria, vale a dire la conoscenza degli atti giuridici e dei documenti di prassi, con la pratica, ossia avere chiaro come poi, in concreto, va gestito il rapporto con l’impresa e con la banca cessionaria del credito, nonché comprendere con l’assistenza del tecnico cosa è ragionevolmente possibile fare sull’immobile e cosa, invece, al di là delle aspettative, non è tecnicamente realizzabile anche, ma non solo, in relazione ai limiti di spese previsti per ogni tipologia di intervento. Non avere una conoscenza a 360° gradi della materia espone ad un rischio insostenibile di commettere errori.

My Solution mette a vostra disposizione la propria squadra di commercialisti, ingegneri, tecnici, con l’obiettivo di illustrarvi, in queste quattro giornate di master, le disposizioni che caratterizzano l’agevolazione nelle sue diverse fattispecie (Ecobonus, Sismabonus, altri interventi con benefici inferiori), dandovi conto delle soluzioni adottate dalle banche e rendendosi disponibile per fornire risposte ai quesiti che vorrete indirizzarci.

di Lelio Cacciapaglia

 

Il Programma

1^ GIORNATA - 23 Novembre - 16.30/18.30

SUPERBONUS 110%: IL PERIMETRO APPLICATIVO DELLA DETRAZIONE MAGGIORATA

Docenti: Dott. Riccardo Lambri e Dott. Fabrizio Giovanni Poggiani

  • Panoramica sintetica dell’agevolazione
  • I soggetti che possono accedere alla detrazione maggiorata
  • Il condominio e le parti comuni: nozioni, applicazione e adempimenti
  • Gli interventi trainanti necessari per la fruibilità del Superbonus
  • Gli interventi trainati e i tempi contingentati di esecuzione degli stessi
  • La tipologia di immobili destinatari del Superbonus
  • Il concetto di edificio e di unità immobiliare funzionalmente indipendente
  • Le particolarità del Sismabonus: ricostruzione e consolidamento
  • Le spese accessorie che rientrano nella detrazione maggiorata
  • Le principali fattispecie e i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate 

2^ GIORNATA - 30 Novembre - 16.30/18.30

ECOBONUS E SISMABONUS: LA PAROLA AL TECNICO

Docenti: Ing. Alberto Gussoni e Dott. Riccardo Lambri

  • L’Ecobonus: inquadramento normativo
  • La prevalutazione dei lavori da parte del tecnico
  • L’obiettivo di elevare di 2 classi l’edificio, tra speranze e possibili delusioni
  • Autorizzazioni (SCIA o CILA): i lavori preparatori alle detrazioni. L’accesso agli atti
  • L’applicazione in presenza di sanatorie e/o condoni
  • L’APE e le classi energetiche
  • Il Sismabonus: inquadramento normativo
  • Le zone sismiche in Italia: le aree escluse
  • Il concetto di classe di rischio sismico e l’irrilevanza ai fini del Sismabonus
  • Panoramica sugli interventi antisismici su edifici esistenti e su nuovi edifici
  • Gli interventi agevolati e l’analisi dei limiti di spesa e della congruità prezzi
  • Il processo di asseverazione e invio all’ENEA 

3^ GIORNATA - 2 Dicembre - 16.30/18.30

CESSIONE DEL CREDITO E SCONTO IN FATTURA, ASSEVERAZIONE E VISTO DI CONFORMITÀ

Docenti: Dott. Lelio Cacciapaglia, Ing. Alberto Gussoni e Dott. Fabrizio Giovanni Poggiani

  • Detrazione, sconto in fattura o cessione del credito? Tra necessità e virtù
  • Analisi delle interpretazioni e FAQ dell’Agenzia sulla detrazione/cessione del credito
  • Chi può asseverare i lavori: i rapporti tra ingegneri e installatori (le attestazioni a catena)
  • Le asseverazioni del tecnico sui SAL e sullo stato finale dei lavori: analisi del DM
  • Visto di conformità del commercialista/Cdl/CAF: la check list che garantisce l’assenza di rischio
  • Il Modello telematico di Cessione del credito: compilazione guidata rigo per rigo
  • La ulteriore piattaforma dell’AdE: accettazione/cessione del credito successivo al primo
  • Cessione del credito: analisi dei comportamenti delle banche e delle compagnie assicurative
  • Dallo studio di prefattibilità alla monetizzazione del credito: i finanziamenti ponte e i tassi d’interesse
  • Il disconoscimento, il recupero del bonus e le sanzioni applicabili

4^ GIORNATA - 4 Dicembre - 16.30/18.30

SUPERBONUS 110%: TUTTOQUESITI

A conclusione del percorso formativo, un intero incontro dedicato a rispondere ai quesiti che verranno raccolti al termine di ogni singola giornata.

Un modo per rispondere in maniera organica ed esaustiva a tutte le domande più interessanti, e farne patrimonio comune, con un approccio pratico e analitico, grazie anche alla presenza del docente tecnico specializzato. I relatori saranno quindi tutti contemporaneamente collegati, per rispondere ai quesiti raccolti e fornire i necessari chiarimenti per un’ottimale gestione della disciplina oggetto del corso.

 




NEWS - EMERGENZA CORONAVIRUS

Misure anti-Covid rinnovate per Calabria, Lombardia, Piemonte, Puglia, Sicilia e Valle d’Aosta


Zona rossa e arancione confermate per Calabria, Lombardia, Piemonte, Puglia, Sicilia e Valle d’Aosta. Con una ordinanza firmata il 19 novembre 2020 il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha confermato le misure restrittive per tali Regioni stabilite con l’Ordinanza del 4 novembre 2020

La nuova ordinanza è valida fino al 3 dicembre 2020, ferma restando la possibilità di nuova classificazione come previsto dal D.P.C.M. 3 novembre 2020. Ai sensi del predetto decreto, infatti, le Regioni potrebbero essere classificate in una fascia diversa a partire dal 27 novembre.

Con una seconda Ordinanza, firmata il 20 novembre 2020 , viene inoltre disposto il passaggio della Regione Abruzzo dalla zona arancione alla zona rossa, con validità dal 22 novembre al 3 dicembre 2020. 

Per le disposizioni nazionali specifiche per le tre aree è possibile consultare le FAQ pubblicate sul sito del Governo. Si ricorda inoltre che le Regioni e le Province autonome possono adottare specifiche ulteriori disposizioni restrittive, di carattere locale, per conoscere le quali è necessario fare riferimento ai canali informativi istituzionali dei singoli enti.

La ripartizione delle Regioni nelle diverse aree di criticità risulta essere attualmente la seguente:

Area di criticità

Regioni

Gialla

Lazio, Molise, Provincia autonoma di Trento, Sardegna, Veneto

Arancione

Basilicata, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Puglia, Sicilia, Umbria.

Rossa

Abruzzo, Calabria, Campania, Lombardia, Piemonte, Toscana, Valle d'Aosta, Provincia Autonoma di Bolzano.




NEWS - MALATTIA

Pubblicati i dati dell’Osservatorio statistico sul “Polo unico di tutela della malattia”


In data 17 novembre 2020, l’INPS ha pubblicato i dati relativi al terzo trimestre 2020 dell’Osservatorio statistico sul “Polo unico di tutela della malattia”.

In tale periodo sono pervenuti all’INPS 3.501.481 certificati di malattia, di cui l’81,5% dal settore privato, in diminuzione rispetto allo stesso trimestre del 2019.

La riduzione complessiva del terzo trimestre, riconducibile agli effetti di un ricorso generalizzato al lavoro in modalità agile a causa dell’epidemia di coronavirus, è pari al -16,9% per il settore pubblico e al -10% per il settore privato. La riduzione risulta pressoché equivalente in entrambi i settori nelle regioni del Nord, mentre si registra una differenza più marcata per le regioni del Centro e del Sud.




NEWS - INCENTIVI ALLE AZIENDE

In GU il decreto MiSE sugli incentivi per le start-up innovative e le PMI innovative


Nella Gazzetta Ufficiale del 19 novembre 2020, n. 288 è stato pubblicato il Decreto MiSE 1 ottobre 2020 , recante “Modalità di impiego delle risorse aggiuntive conferite al Fondo di sostegno al venture capital e finalizzate a sostenere investimenti nel capitale delle start-up innovative e delle piccole e medie imprese innovative”.

Il provvedimento in specie definisce le modalità di impiego delle risorse aggiuntive conferite al Fondo di sostegno al venture capital, nonché il rapporto di co-investimento tra tali risorse aggiuntive e le risorse di talune altre categorie di investitori, regolamentati o qualificati.




NEWS - FINE RAPPORTO DI LAVORO

Gli ulteriori chiarimenti del MLPS sulla comunicazione delle Dimissioni Volontarie


Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – con Comunicato 19 novembre 2020 – ha informato che “​eventuali problemi nell'invio della comunicazione delle Dimissioni Volontarie da parte dei soggetti abilitati, a seguito del passaggio a SPID, potranno essere risolti con l'apertura di un ticket direttamente attraverso l'URPonline inserendo nome, cognome, codice fiscale e soggetto di appartenenza al fine di accelerare la risoluzione delle anomalie”.




NEWS - LAVORATORI EXTRACOMUNITARI

Flussi ingresso lavoratori non comunitari: distribuite dal MLPS le quote residue


Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – con Nota del 18 novembre 2020, prot. n. 4460 – ha ulteriormente attribuito agli Ispettorati territoriali del lavoro delle quote, ex art. 6, comma 4 , D.P.C.M. 7 luglio 2020, concernente la “Programmazione transitoria dei flussi di ingresso dei lavoratori non comunitari per lavoro nel territorio dello Stato per l’anno 2020”, per istanze pervenute dalle Organizzazioni professionali dei datori di lavoro.

Nello specifico, sono distribuiti agli Ispettorati territoriali del Lavoro le restanti quote previste per le istanze per lavoro stagionale, anche pluriennale, nel settore agricolo provenienti dalle organizzazioni professionali datoriali (ulteriori 1.062 quote assegnate sul sistema informatizzato SILEN).

Gli Ispettorati territoriali del lavoro procederanno ad espletare prioritariamente l’istruttoria di tali pratiche, in deroga al principio cronologico di arrivo di tutte le istanze presentate dai datori di lavoro.

Una volta esaurita la quota di 6.000 unità riservata alle sei organizzazioni professionali indicate, gli Ispettorati potranno istruire le altre pratiche provenienti da datori di lavoro e/o da associazioni datoriali secondo l’ordine cronologico di arrivo sul sistema SPI ed impegnare la quota complessivamente destinata al lavoro stagionale/pluriennale, attribuita alla provincia di riferimento.




NEWS - ULTIME NOTIZIE

Decreto "Ristori-ter": atteso questa sera in Consiglio dei Ministri


È previsto per questa sera alle 19.00 il Consiglio dei Ministri che, secondo alcune anticipazioni, potrebbe varare il decreto-legge “Ristori-ter”, annunciato nei giorni scorsi. Da quanto si apprende, il provvedimento contiene misure per circa 1,4 miliardi per il finanziamento dei ristori da erogare in automatico alle attività chiuse nelle Regioni che “peggiorano di fascia" nelle misure di contenimento del Covid-19.

Contestualmente è all'esame del Governo l'approvazione di un nuovo scostamento di bilancio finalizzato alla copertura di nuovi incentivi e agevolazioni da collocare in un decreto “Ristori-quater”. 

Con quest’ultimo decreto potrebbe arrivare, per le attività in difficoltà, il rinvio degli acconti di novembre, accanto alle sospensioni di Iva e ritenute già disposte con i decreti precedenti, oltre alla proroga del termine di versamento, fissato al 10 dicembre, delle rate pendenti relative alla rottamazione delle cartelle.




NEWS - FINE RAPPORTO DI LAVORO

Controlli difensivi per l'accertamento del reato del dipendente e legittimità del licenziamento


La Cassazione - con sentenza del 16 novembre 2020, n. 25977 - ha ritenuto legittimi i controlli difensivi effettuati sul dipendente sospettato di aver acceduto indebitamente al conto corrente del coniuge di una collega: dalla legittimità dei suddetti controlli (e dall’esito degli stessi) si evidenzia la legittimità del licenziamento per giusta causa intimato al dipendente.

Nello specifico, la Suprema Corte ha ritenuto che le verifiche effettuate ex post sugli strumenti informatici a disposizione del dipendente non violassero le disposizioni contenute nell’art. 4, legge n. 300/1970, stante il fatto che il controllo difensivo è stato posto in essere esclusivamente per accertare gravi comportamenti illeciti del lavoratore, tali da costituire astrattamente anche una fattispecie di reato.

Tali verifiche, poi, sono state effettuate solo successivamente alla realizzazione della condotta addebitata.




NEWS - LAVORI PARLAMENTARI

Alla Camera le nuove norme sulla scelta della sede di lavoro per i lavoratori che assistono familiari disabili


È stato assegnato alla Commissione Lavoro della Camera l'esame della proposta di legge A.C. 1584, contenente nuove norme sulla scelta della sede di lavoro per i lavoratori che assistono familiari affetti da disabilità.

Il provvedimento, in particolare, dispone quanto segue:

  1. grava sul datore di lavoro, pubblico o privato, l’obbligo giuridico di motivare per iscritto l’eventuale diniego alla richiesta di assegnazione o trasferimento avanzata dal lavoratore (art. 1);
  2. si applica la disciplina generale, normativa e contrattuale, in materia di trasferimenti al fine di salvaguardare la posizione del lavoratore assegnato o trasferito al venir meno delle condizioni di cui all'art. 33, comma 3, della Legge 5 febbraio 1992, n. 104, legittimanti l’assegnazione o il trasferimento.

Si ricorda che i commi 5 e 6 del richiamato art. 33 della Legge n. 104/1992 prevedono che il familiare lavoratore e il lavoratore disabile hanno diritto a scegliere, ove possibile, la sede di lavoro più vicina al proprio domicilio.

Al riguardo, la relazione di accompagnamento della proposta in esame sottolinea che “questa disposizione, proprio a causa di quel 'ove possibile', si configura come un interesse legittimo, ma non come un diritto soggettivo insindacabile”.




NEWS - INPS, CONTRIBUZIONE

Agricoltura, chiarimenti sull'esonero della contribuzione dovuta per il periodo 1° gennaio 2020-30 giugno 2020


Con il Messaggio 19 novembre 2020, n. 4353 , l'Inps ha fornito chiarimenti in merito all'esonero della quota di contribuzione dovuta per il periodo dal 1° gennaio 2020 al 30 giugno 2020 dai datori di lavoro delle imprese appartenenti alle filiere agrituristiche, apistiche, brassicole, cerealicole, florovivaistiche, vitivinicole, nonché dell'allevamento, dell'ippicoltura, della pesca e dell'acquacoltura, ai sensi dell'art. 222, comma 2, del decreto “Rilancio” (D.L. 19 maggio 2020, n. 34, convertito con modifiche dalla Legge 17 luglio 2020, n. 77).

Tale norma è stata successivamente modificata dall’art. 58-quater del “decreto di agosto” (D.L. 14 agosto 2020, n. 104, convertito con modifiche dalla Legge 13 ottobre 2020, n. 126), che ha esteso la misura alle aziende vitivinicole associate anche ai codici Ateco 11.02.10 e 11.02.20.

In materia è intervenuto anche il D.M. 15 settembre 2020, il quale peraltro non considera i codici Ateco 11.02.10 e 11.02.20, introdotti dal richiamato art. 58-quater ; per queste categorie, saranno fornite ulteriori indicazioni con apposito messaggio.