Notizie del 15 novembre 2019



NEWS - DIRITTO DEL LAVORO

Welfare aziendale: ripubblicato l'Avviso pubblico «#Conciliamo»


In data 8 novembre 2019, è stato ripubblicato l'Avviso pubblico «#Conciliamo».

 Tale Avviso destinerà 74 milioni di euro per progetti di conciliazione famiglia-lavoro, attraverso dei fondi destinati a interventi che promuovano:

  • un welfare su misura per le famiglie;
  • il miglioramento della qualità della vita di mamme e papà lavoratori. 

L'avviso ha come obiettivi specifici il rilancio demografico, incremento dell’occupazione femminile, riequilibrio dei carichi di lavoro fra uomini e donne, sostegno alle famiglie con disabilità, tutela della salute, contrasto all'abbandono degli anziani. 

Possono partecipare le imprese, ex artt. 2082 e 2083 cod. civ., nonché i consorzi e i gruppi di società collegate o controllate, anche in forma associata. Per accedere al finanziamento va presentata domanda entro il 18 dicembre 2019, via Pec all'indirizzo conciliamo@pec.governo.it

Al riguardo, si segnala che la richiesta di finanziamento per ciascuna iniziativa progettuale debba essere compresa tra un minimo di € 15.000,00 ed un massimo di € 50.000,00 per le imprese con meno di 10 dipendenti e i cui ricavi della voce A1 del conto economico, relativo all’ultimo esercizio contabile concluso, siano uguali o inferiori ai 2 milioni di euro (microimprese).




NEWS - IMPOSIZIONE FISCALE

Trattamento fiscale dei proventi rivenienti da strumenti finanziari di partecipazione e cessazione del rapporto di lavoro del manager


L'Agenzia delle Entrate - con risposta ad Interpello del 13 novembre 2019, n. 482 - ha precisato che la possibilità riconosciuta al manager di mantenere la titolarità delle quote di partecipazione con diritti patrimoniali rafforzati anche in ipotesi di cessazione del rapporto di lavoro, costituisce un'indicazione sufficiente a escludere in radice uno stretto legame tra l’investimento finanziario e il rapporto di lavoro dipendente:  i relativi proventi, dunque, non costituiscono un’integrazione della retribuzione, bensì redditi di natura finanziaria da assoggettare a tassazione quali redditi di capitale o redditi diversi.




NEWS - IMPOSIZIONE FISCALE

Regime forfetario, contratti misti ed applicazione della causa ostativa: i chiarimenti dell’AE


L’Agenzia delle Entrate - con risposta ad Interpello del 13 novembre 2019, n. 484 - ha fornito chiarimenti sull’applicabilità della causa ostativa ex art. 1, comma 57, lett. d-bis) , legge n. 190/2014 (attività esercitata prevalentemente nei confronti di datori di lavoro con i quali sono in corso rapporti di lavoro o lo sono stati nei due anni precedenti) nei cd. “contratti misti” (attivazione, in capo alla stessa persona, di un rapporto di lavoro subordinato part-time a tempo indeterminato e, contestualmente, uno, parallelo e distinto, di lavoro autonomo).

Al riguardo, l'Agenzia delle Entrate ha precisato che, laddove non sia ravvisabile un preesistente rapporto di lavoro dipendente e l’utilizzo del c.d. contratto misto non comporti artificiose trasformazioni di lavoro dipendente in attività di lavoro autonomo, la causa ostativa al regime forfetario non trova applicazione. Qualora, invece, il duplice rapporto di lavoro (autonomo e dipendente) dovesse subire modifiche sostanziali, nel corso della durata dello stesso, volte a traslare una quota di redditi percepiti dalla tipologia di redditi di lavoro dipendente a quella di redditi di lavoro autonomo, la causa ostativa in parola troverebbe applicazione, con conseguente fuoriuscita dal regime forfetario nel periodo d’imposta successivo a quello in cui si verifica tale mutamento sostanziale.




NEWS - INPS, DENUNCE E COMUNICAZIONI

Indicazioni per la corresponsione degli importi relativi all’attuazione delle misure di politiche attive “POR Marche FSE 2014-2020”


L'INPS - con Circolare del 14 novembre 2019, n. 139 - ha fornito le indicazioni per la corresponsione degli importi relativi all’attuazione delle misure di politiche attive “POR Marche FSE 2014-2020”.

Le misure erogate dall’INPS su indicazione della Regione, fino alla concorrenza massima complessiva di € 7.200.000,00, sono riferite all’attuazione:

  • di 300 borse di ricerca under 30, della durata di nove mesi ciascuna, a favore di giovani disoccupati marchigiani laureati, fino alla concorrenza massima di € 2.343.600,00, a valere sul POR Marche FSE 2014/2020 – Priorità di investimento 8.ii – Giovani;
  • di 1.200 Borse lavoro over 30 a favore di adulti disoccupati marchigiani, fino alla concorrenza massima di € 5.468.400,00, a valere sul Por Marche FSE 2014/2020 Priorità 8.i – Occupazione.

Le somme finalizzate alle due tipologie di borse di studio sono comprensive delle risorse destinate al pagamento dell’Irap afferente l’indennità, cui provvederà direttamente la Regione Marche.




NEWS - SICUREZZA SUL LAVORO

INAIL: esposizione all’amianto, malattia professionale e termine prescrizionale


La Cassazione - con sentenza del 12 novembre 2019, n. 45935 - ha affermato che il termine di prescrizione del reato di omissione dolosa delle cautele contro le malattie sul lavoro decorre già prima del decesso della vittima.

Nello specifico, la Suprema Corte ha ribadito che, in caso di esposizione durevole all'amianto, il cd. dies a quo è da individuarsi "nel momento più risalente fra quello in cui il dirigente dello stabilimento ha dismesso la posizione di garanzia e quello in cui è terminata l’attività lavorativa dei lavoratori ammalatisi".




NEWS - INPS, PRESTAZIONI

In GU il decreto con l'incremento della speranza di vita per l'accesso ai trattamenti pensionistici


Nella Gazzetta Ufficiale del 14 novembre 2019, n. 267 è stato pubblicato il Decreto MEF del 5 novembre 2019 , recante "Adeguamento dei requisiti di accesso al pensionamento all'incremento della speranza di vita a decorrere dal 1° gennaio 2021".

Al riguardo, a decorrere dal 1° gennaio 2021, i requisiti di accesso ai trattamenti pensionistici non sono ulteriormente incrementati.




NEWS - PREVIDENZA

In GU i comunicati MLPS sulla previdenza dei geometri liberi professionisti e dei giornalisti


Nella Gazzetta Ufficiale del 14 novembre 2019, n. 267 sono stati pubblicati n. 2 comunicati MLPS.

Nello specifico:

  • approvazione della delibera n. 4 adottata dal comitato dei delegati della Cassa italiana di previdenza ed assistenza dei geometri liberi professionisti (CIPAG) in data 20 giugno 2019 - aggiornamento della tabella dei coefficienti di trasformazione di cui all'art. 33, comma 2, del regolamento per l'attuazione delle attività di previdenza ed assistenza  a favore degli iscritti e dei loro familiari, da applicarsi con decorrenza 1° gennaio 2019;
  • approvazione della delibera n. 8 adottata dal comitato amministratore della gestione separata dell'Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani (INPGI) in data 14 settembre 2017 - introduzione del «Regolamento per l'attuazione  dell'assicurazione infortuni per i giornalisti titolari di collaborazione coordinata e continuativa» e la determinazione del relativo premio assicurativo a carico dei committent.




NEWS - MANOVRA 2020

Gualtieri: “Aumenterà l’importo netto che i lavoratori ricevono in busta paga”


Al fine di rivitalizzare i consumi dei ceti medio-bassi attraverso la crescita del potere d’acquisto, il Governo ha deciso di destinare 3 miliardi di euro alla riduzione delle imposte sui redditi dei lavoratori dipendenti, con l’obiettivo di incrementare l’importo netto degli stipendi già nel 2020.

Le risorse, che saliranno a 5 miliardi a partire dal 2021, “permetteranno di aumentare l’importo netto che i lavoratori ricevono in busta paga, a parità di costo per il datore di lavoro”: lo ha affermato il Ministro dell'Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri, presentando le linee-guida del disegno di legge di Bilancio alle Commissioni riunite Bilancio di Camera e Senato.

Il Ministro ha inoltre sottolineato che dal 2021, con l’istituzione del “Fondo assegno universale e servizi alla famiglia”, inizierà un percorso che nei prossimi anni “porterà alla riorganizzazione delle misure attualmente esistenti”, ha evidenziato il ministro.




NEWS - POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

ANPAL: pubblicato il rapporto sulle politiche attive del lavoro attraverso il contracting-out


In data 13 novembre 2019, l'ANPAL ha pubblicato il volume "L’attuazione delle politiche attive del lavoro attraverso il contracting-out -Analisi comparata di modelli internazionali".

Obiettivo dell’analisi è stato individuare tipologie di comportamento organizzativo dei sistemi SPI per coglierne gli elementi caratterizzanti al fine di possibili apprendimenti di policy.

Il rapporto presenta la ricostruzione delle fasi che hanno condotto, in alcuni paesi OCSE e UE (Australia, Francia, Germania, Paesi Bassi e  Regno Unito) alle forme di partnership e contracting-out attualmente adottate per la gestione delle politiche attive del lavoro.




NEWS - PUBBLICO IMPIEGO

Alla Consulta la partecipazione degli assistenti privi del titolo di studio al concorso per direttore servizi generali


Sarà la Consulta a stabilire se è costituzionalmente illegittima la norma sulla partecipazione degli assistenti privi del titolo di studio al concorso a posti di Direttori dei servizi generali ed amministrativi: la questione è stata posta dalla sezione VI del Consiglio di Stato con l'ordinanza 13 novembre 2019, n. 7809, con riferimento all’art. 1, comma 605 , della Legge 27 dicembre 2017, n. 205 (Legge di Bilancio 2018).

Per i giudici amministrativi, in particolare, la norma va censurata nella parte in cui prevede che il requisito dell’anzianità di tre anni di servizio, necessario per la partecipazione degli assistenti, privi del titolo di studio, al concorso pubblico per l'assunzione di direttori dei servizi generali ed amministrativi debba essere posseduto alla data di entrata in vigore della legge stessa e non al momento della scadenza del termine per la presentazione della domanda stabilito dal bando.

La norma in esame ha infatti inteso affiancare all’ordinario possesso del titolo di studio previsto dall’ordinamento, un requisito rilevante in termini di esperienza maturata in capo a soggetti eventualmente privi del titolo di studio; di conseguenza è stato esteso il campo di partecipazione, sulla scorta di un elemento attestante la garanzia del possesso della necessaria professionalità, acquisita in termini di esperienza.