Notizie del 15 luglio 2020



NEWS - PREVIDENZA

Stabilite dall'Inps le modalità di esposizione delle trattenute relative alle quote sindacali


Con la Circolare 14 luglio 2020, n. 85 , l'Inps ha fornito chiarimenti in merito al D.M. 18 febbraio 2020, n. 31 (emanato in attuazione dell'art. 25-ter, comma 1, del D.L. 28 gennaio 2019, n. 4, convertito con modifiche dalla Legge 28 marzo 2019, n. 26), relativo all’obbligo per gli enti erogatori di trattamenti pensionistici di fornire a tutti i soggetti percettori di tali trattamenti un’informazione precisa e puntuale circa eventuali trattenute relative alle quote associative sindacali.

L’art. 1 del citato D.M. n. 31/2020 stabilisce, quale prioritaria e generalizzata, la modalità telematica di esposizione delle quote associative sindacali, ai fini dell’assolvimento dell’obbligo di informazione, precisa e puntuale, posto a carico degli enti erogatori dei trattamenti pensionistici.

Tale modalità dev'essere adottata sia nella fase di liquidazione del provvedimento di pensione sia in quella di erogazione della pensione medesima e nello specifico:

  1. nel provvedimento di liquidazione della pensione;
  2. nei cedolini mensili;
  3. nella certificazione annuale della pensione.




NEWS - CONTRATTAZIONE COLLETTIVA DI LAVORO

Siglato l'Accordo Programmatico per la definizione del F.O.R. Working (Flessibilità Obiettivi Risultati) nella Chimica


In data 9 luglio 2020 è stato siglato - tra FEDERCHIMICA, FARMINDUSTRIA e FILCTEM CGIL, FEMCA CISL e UILTEC UIL - un Accordo Programmatico per la definizione del F.O.R. Working (Flessibilità Obiettivi Risultati).

Al riguardo, le Parti firmatarie del CCNL per gli addetti all'industria chimica, chimico-farmaceutica, delle fibre chimiche e dei settori abrasivi, lubrificanti e GPL hanno condiviso la necessità di agevolare anche con strumenti innovativi, la gestione dei cambiamenti in atto all’interno delle aziende del settore.

A tal fine, è stato ritenuto opportuno:

  • evidenziare le differenze e distinguere istituti quali Telelavoro (normato da CCNL e da accordi individuali e collettivi aziendali) e Lavoro agile (normato dalla Legge con rinvii ad accordi individuali e da accordi collettivi aziendali),
  • valutare e rendere disponibile per le imprese e i lavoratori, una modalità aggiuntiva ed evoluta di smart working: il F.O.R. WORKING, un moderno rapporto di lavoro subordinato, per il quale dovranno essere "adattate" le regole previste per il rapporto e l'organizzazione del lavoro tradizionali. Aspetti innovativi del F.O.R. Working saranno la flessibilità, la gestione dei tempi e dei luoghi, la definizione e il raggiungimento di obiettivi condivisi e i risultati realizzati garantendo e migliorando l'efficienza organizzativa, i livelli di produttività, la salute e la sicurezza;
  • preservare la flessibilità tipica di queste modalità di lavoro e lasciare al livello aziendale la definizione delle regole di dettaglio adeguate a tenere conto delle specifiche esigenze.

Entro dicembre 2020, saranno realizzate specifiche Linee Guida utili a identificare gli elementi che contraddistinguono il F.O.R. Working, il tutto attraverso un percorso di confronto e sperimentazione che potrà agevolare nel 2022, nell'ambito del rinnovo del vigente CCNL, valutazioni condivise in merito alle opportune scelte contrattuali.




NEWS - ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA

Prorogate dalla Qu.A.S. le prestazioni per emergenza Covid-19


La Cassa Assistenza Sanitaria integrativa del Servizio Sanitario Nazionale - obbligatoria per tutti i dipendenti con qualifica di "quadro" ai quali si applica il CCNL del Terziario, della Distribuzione e dei Servizi stipulato da Confcommercio e Filcams CGIL, Fisascat CISL e Uiltucs UIL, e del Turismo stipulato da Federalberghi, Federreti, Fipe, Fiavet e Faita, con Filcams CGIL, Fisascat CISL e Uiltucs UIL - ha comunicato che per i casi di accertata diagnosi di Covid-19, saranno prorogate le seguenti misure straordinarie (introdotte nel periodo gennaio-giugno 2020), fino al 31 ottobre 2020:

  • diaria di € 78,00 per un massimo di 57 giorni in caso di ricovero presso strutture pubbliche, con esclusione dei primi 7 giorni e previa presentazione di copia della cartella clinica;
  • diaria di € 40,00 per un massimo di 14 giorni in caso di isolamento domiciliare con decorrenza dalla data nella quale risulta effettuato il tampone e secondo le prescrizioni dei sanitari: la positività al virus dovrà essere confermata dai laboratori di riferimento nazionale dell’Istituto Superiore di Sanità e documentata dal referto del tampone effettuato.




NEWS - INAIL, INFORTUNIO

Percentuale di invalidità permanente ed onere della prova di chance


La Cassazione - con ordinanza dell'8 luglio 2020, n. 14246 - ha precisato che l'invalidità permanente nella misura del 20% non è sufficiente a far ottenere il danno da perdita di chance, in quanto non esonera il lavoratore dall'onere di provare di aver subìto una diminuzione irreparabile della capacità di svolgere un'attività secondo le sue attitudini e condizioni personali.

Nello specifico, la Suprema Corte ha rigettato il ricorso di un lavoratore vittima di malasanità, per non essere stato in grado di provare l'esistenza di un quid favorevole (che si possa valutare dal punto di vista giuridico e patrimoniale) su cui l'illecito abbia inciso negativamente provocando un danno certo e attuale al lavoratore in ottica futura.




NEWS - EMERGENZA CORONAVIRUS, "FASE 2"

Misure anti-Covid prorogate al 31 luglio


È stato pubblicato nella notte in Gazzetta Ufficiale il nuovo decreto del Presidente del Consiglio che proroga fino al 31 luglio 2020 le misure per il contenimento del virus Covid-19, disposte con il D.P.C.M. 11 giugno 2020 in scadenza ieri.

Tra le principali misure prorogate al 31 luglio, elencate dal ministro della Salute Roberto Speranza nell'intervento di ieri in Senato:

  • l’obbligo di indossare la mascherina nei luoghi chiusi;
  • l’obbligo di rispettare i protocolli di sicurezza definiti per la riapertura dei luoghi di lavoro;
  • il divieto di assembramenti;
  • le sanzioni penali per chi viola l'obbligo di quarantena;
  • il divieto di ingresso o la quarantena per chi arriva da Paesi extra UE e controlli più stringenti su porti e aeroporti.

Con il D.P.C.M. 14 luglio 2020 vengono altresì prorogate e aggiornate le "Linee guida per la riapertura delle Attività Economiche, Produttive e Ricreative della Conferenza delle Regioni e delle province autonome" e per il contenimento della diffusione del Covid-19 in materia di trasporto pubblico. Resteranno quindi in vigore, almeno fino a fine mese, gli obblighi previsti per le attività economiche e produttive, tra cui:

  • il divieto di assembramento, la disinfezione dei locali, il posizionamento di gel disinfettanti all'ingresso dei negozi;
  • per le attività di ristorazione, il distanziamento dei tavoli ad almeno un metro di distanza e la mascherina per i camerieri;
  • per quanto riguarda le spiagge e gli stabilimenti balneari, l'obbligo di mantenere il distanziamento tra gli ombrelloni e il divieto di praticare in spiaggia attività ludico-sportive che possano dar luogo ad assembramenti;
  • per i cinema e gli spettacoli dal vivo restano confermati i limiti di 200 spettatori al chiuso e 1.000, all'aperto, derogabili tuttavia dalle normative regionali.

Per quanto riguarda, in particolare, gli obblighi stabiliti per la riapertura di congressi e grandi eventi fieristici, sono confermate le regole relative a:

  • rilevazione della temperatura corporea all’ingresso;
  • distanza di sicurezza dai relatori e mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra gli ospiti;
  • obbligo di mascherine per tutti gli uditori e il personale addetto all'assistenza, per tutta la durata delle attività, e frequente igiene delle mani con soluzioni igienizzanti.




NEWS - DIRITTO DEL LAVORO

INPS: lavori marginali in Stato Comunitario


L’INPS - con Messaggio del 14 luglio 2020, n. 2797 - ha fornito chiarimenti sulla legislazione applicabile e sui criteri di utilizzo dei periodi assicurativi ai fini pensionistici per i periodi di lavoro, brevi, in Germania.

Per i lavoratori dipendenti privati che esercitino per un breve periodo di tempo un’ulteriore attività lavorativa subordinata in un altro Stato dell’UE, la legislazione applicabile resta quella del loro Stato di residenza.

L’articolo 14 del Regolamento (CE) n. 987/2009, inoltre, precisa che, ai fini della determinazione della legislazione applicabile, non possono essere considerate le attività marginali ovvero quelle attività poco significative in termini di tempo e remunerazione (attività che coprono meno del 5% del normale orario di lavoro e/o meno del 5% della retribuzione globale).

In tali situazioni si deve, pertanto, ritenere che la persona eserciti l’attività in un solo Stato e la legislazione da applicare è quella dello Stato in cui è svolta abitualmente l’attività principale. Tale disciplina trova applicazione anche nei soggetti percettori di NASPI, fermo restando le disposizioni degli articoli 63 e successivi del Regolamento (CE) n. 883/2004.

Pertanto, visto il criterio di portata generale, in riferimento alla fattispecie presa in esame, viene chiarito che, qualora il lavoratore svolga un’attività subordinata in Italia e un’attività in Germania di portata marginale o comunque non sostanziale, la legislazione applicabile è unicamente quella italiana.

Nel caso di dipendente pubblico, accertata la compatibilità lavorativa, la legislazione applicabile, è quella dello Stato a cui appartiene l’Amministrazione da cui dipende.




NEWS - AMMORTIZZATORI SOCIALI

INPS: Dichiarazione semplificata per assegno ordinario con causale “Covid-19”


L’INPS - con Messaggio del 14 luglio 2020, n. 2806 - ha fornito istruzioni operative per consentire alle aziende, che richiedono l’assegno ordinario con causale “Covid-19”, l’invio dell’autodichiarazione del “periodo effettivamente fruito”.

L’Istituto ha chiarito che, al fine di compilare in maniera adeguata la domanda per completare la fruizione delle settimane già autorizzate, è necessario allegare un file excel come da Allegato n.1 del citato messaggio, compilato sulla base delle modalità indicate nell’Allegato n. 2. Il file dovrà essere inserito, per ogni unità produttiva, nel quadro G - Ulteriori allegati - Allegato A delle domande di nuova richiesta con causale “COVID-19”, mentre per le istanze già inviate, può essere fornito dall’azienda tramite il servizio “Comunicazione bidirezionale” del Cassetto previdenziale aziende.

Per essere correttamente allegato alla domanda il file dovrà essere convertito in formato .pdf.

Per ciò che concerne il criterio di flessibilità, illustrato nella circolare n. 84/2020 , che fa salvi dal conteggio eventuali giorni di trattamento richiesti ma non utilizzati, viene esteso anche all’assegno ordinario sul presupposto che a quest’ultimo si applica la normativa in materia di integrazione salariale ordinaria, ove compatibile.




NEWS - INPS, DENUNCE E COMUNICAZIONI

Cessione del quinto: aggiornamento dei tassi d’interesse


L’INPS - con Messaggio del 14 luglio 2020, n. 2799 - ha fornito gli aggiornamenti dei tassi per il terzo trimestre 2020 per la Cessione del quinto delle pensioni.

Con il decreto n. 50764 del 25 giugno 2020 il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha indicato i tassi effettivi globali medi (TEGM) praticati dalle banche e dagli intermediari finanziari rilevati dalla Banca d’Italia e in vigore per il periodo 1° luglio 2020 – 30 settembre 2020.

Pertanto, a partire dal 1° luglio 2020 e fino al 30 settembre 2020, per i prestiti estinguibili mediante cessione del quinto dello stipendio e della pensione, il valore dei tassi da applicare sono i seguenti:

Classi d’importo in euro

Tassi medi

Tassi soglia usura

Fino a 15.000

11,51

18,3875

Oltre i 15.000

7,91

13,8875

I tassi soglia TAEG da utilizzare per i prestiti estinguibili con cessione del quinto della pensione, concessi da banche e intermediari finanziari in regime di convenzionamento ai pensionati, variano come segue:

TASSI SOGLIA PER CLASSI DI ETA' DEL PENSIONATO E CLASSE D'IMPORTO DEL PRESTITO (TAEG)

Classe di importo del prestito

Classi di età*

Fino a 15.000 euro

Oltre 15.000 euro

Fino a 59 anni

                                   8,55

                          6,68

60-64

                                   9,35

                              7,48

65-69

                                 10,15

                              8,28

70-74

                                 10,85

                              8,98

75-79

                                 11,65

                              9,78




NEWS - POLITICHE SOCIALI

Catalfo: “Va riformato il sistema degli ammortizzatori sociali”


“Dobbiamo riformare il sistema degli ammortizzatori sociali, riprogettando un meccanismo più snello, più semplice e in grado di tutelare tutti i lavoratori, nessuno escluso”: lo ha affermato sul proprio profilo Twitter il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Nunzia Catalfo, aggiungendo che “Quello degli ammortizzatori sociali è un sistema molto frammentato che durante la pandemia ha mostrato tutti i suoi limiti”.