Notizie del 12 settembre 2019



NEWS - INCENTIVI ALLE AZIENDE

Ulteriori precisazioni dell'INL sulla fruizione di benefici normativi e contributivi ed il rispetto del CCNL


L'Ispettorato Nazionale del Lavoro - con Circolare del 10 settembre 2019, n. 9 - ha fornito ulteriori chiarimenti in merito alla fruizione di benefici normativi e contributivi ed al rispetto della contrattazione collettiva, stante quanto già affermato con la precedente Circolare n. 7/2019 .

Al riguardo, l'INL ha ribadito che per la corretta fruizione di “benefici normativi e contributivi”, rileva il riscontro della osservanza da parte del datore di lavoro dei contenuti, normativi e retributivi, dei contratti stipulati dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.

Non si potrà, pertanto, dar luogo alla revoca dei benefici fruiti nei confronti del datore di lavoro che riconosca ai lavoratori un trattamento normativo e retributivo identico, se non migliore, rispetto a quello previsto dal contratto stipulato dalle OO.SS. comparativamente più rappresentative.




NEWS - POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

Siglato l'Accordo su valutazione degli esoneri e modalità di convocazione dei beneficiari del RdC


In data 1° agosto 2019, in sede di Conferenza Unificata tra Governo, Regioni e le Province autonome è stato siglato l'Accordo che definisce principi e i criteri generali da adottarsi da parte dei servizi competenti in sede di valutazione degli esoneri e modalità di convocazione dei beneficiari del Reddito di cittadinanza.

Il provvedimento, inoltre, individua anche le corrette modalità di convocazione dei beneficiari del RdC da parte dei centri per l’impiego e dei comuni, singoli o associati, ex art. 4, comma 15-quinquies , D.L. n. 4/2019.




NEWS - TERZO SETTORE

Servizio Civile Universale, al via un nuovo bando


Il Dipartimento delle Politiche Giovanili e Servizio Civile Universale ha reso nota l'approvazione di un nuovo bando per la selezione di 39.646 volontari tra i 18 e i 28 anni, così suddivisi:

  • 20.223 operatori volontari saranno avviati in servizio in 1.454 progetti “ordinari” da realizzarsi in Italia presentati dagli enti iscritti all’Albo di servizio civile universale o all’Albo nazionale;
  • 951 saranno avviati in servizio in 130 progetti “ordinari” da realizzarsi all’estero presentati dagli enti iscritti all’Albo di servizio civile universale, all’Albo nazionale o agli Albi delle Regioni e delle Province Autonome;
  • 2.196 operatori volontari saranno avviati in servizio in 167 progetti con misure aggiuntive da realizzarsi in Italia presentati dagli enti iscritti all’Albo di servizio civile universale, all’Albo nazionale o agli Albi delle Regioni e delle Province Autonome;
  • 16.276 operatori volontari saranno avviati in servizio in 2.046 progetti “ordinari” da realizzarsi in Italia presentati dagli enti iscritti agli Albi delle Regioni e delle Province Autonome, da realizzarsi nei territori di propria competenza.

La domanda dovrà essere presentata entro le ore 14.00 del 10 ottobre 2019, attraverso la piattaforma Domande on Line (DOL), raggiungibile all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it




NEWS - PREVIDENZA

Quota 100: la Ragioneria dello Stato pubblica le tendenze di medio-lungo periodo


La Ragioneria Generale dello Stato ha pubblicato le previsioni – aggiornate al 2019 – sulle tendenze di medio-lungo periodo del sistema pensionistico e socio-sanitario.

Nell’edizione n. 20 vengono illustrate tra l'altro:

  1. le previsioni macroeconomiche di medio e lungo periodo dello scenario nazionale base che adottano, per la parte relativa alla previsione della popolazione, le proiezioni demografiche Istat con base 2017;
  2. le previsioni di medio-lungo periodo della spesa pubblica per pensioni in rapporto al PIL elaborate in funzione di scenari definiti in ambito nazionale (scenario nazionale base) ed europeo (scenario baseline EPC-WGA);
  3. una descrizione dei requisiti di accesso al sistema pensionistico, aggiornati in relazione ad alcuni recenti provvedimenti, quali ad esempio “Quota 100”.




NEWS - LAVORO SUBORDINATO

Natura subordinata del rapporto di lavoro tra studio legale e lavoratore senza titolo di avvocato


La Cassazione - con sentenza del 10 settembre 2019, n. 22634 - ha confermato la natura subordinata del rapporto di lavoro tra uno studio legale ed un lavoratore, privo di titolo di avvocato.

Al riguardo, la Suprema Corte ha escluso la sussistenza degli elementi della collaborazione, stante il fatto che è l’avvocato a definire gli obiettivi e a impartire direttive anche sull’orario di lavoro, ed è lui il responsabile nei confronti dei clienti per prestazioni assunte come proprie e non come contributo altrui.




NEWS - INPS, DENUNCE E COMUNICAZIONI

I contributi dovuti per gli amministratori locali iscritti alla Gestione separata liberi professionisti


L'INPS - con Messaggio del 10 settembre 2019, n. 3268 - ha reso noto d'aver introdotto un nuovo “Tipo rapporto” specifico per gli Enti locali obbligati al versamento della contribuzione per gli amministratori locali che svolgono attività libero professionale, iscritti alla Gestione separata e obbligati all’aliquota maggiore.

Per i periodi correnti, gli Enti locali interessati devono presentare, per gli amministratori locali per i quali è dovuta la contribuzione con aliquota piena, i flussi Uniemens utilizzando, nella sezione <ListaCollaboratori>, il nuovo codice “19” da inserire nell’elemento <TipoRapporto> di <Collaboratore>.

Per i periodi pregressi, a decorrere dal 2015, tali istruzioni devono essere utilizzate anche per gli amministratori locali per i quali è stata versata la contribuzione con aliquota piena (27,72% e/o 25,72%). Per le denunce già presentate, l’Ente dovrà effettuare le necessarie variazioni dei flussi utilizzando il suddetto codice.

Le modalità di dichiarazione delle denunce Uniemens dei collaboratori sono illustrate nel “Documento tecnico Uniemens” e annesso “Allegato tecnico”, disponibili sul sito dell’Istituto nella scheda “Trasmissione UNIEMENS per datori di lavoro di aziende private”.




NEWS - INPS, DENUNCE E COMUNICAZIONI

Chiarimenti per la riscossione dei contributi sindacali su pensioni a favore di SIULP Pensionati-CISL


L'INPS - con Circolare dell'11 settembre 2019, n. 123 - ha fornito le istruzioni operative per l’applicazione della convenzione stipulata tra l’INPS e l’Organizzazione sindacale Sindacato Italiano Unitario Lavoratori Polizia Pensionati - CISL, per la riscossione dei contributi sindacali su pensioni.

L’ammontare del contributo sindacale è stabilito nelle seguenti percentuali dell’importo lordo delle singole rate di pensione, compresa la tredicesima ed esclusi i trattamenti di famiglia comunque denominati, nonché gli assegni accessori ai trattamenti delle Casse pensionistiche della Gestione Pubblica, erogati a favore dei grandi invalidi per servizio:

  • 0,50% sugli importi compresi entro la misura del trattamento minimo del Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti (FPLD);
  • 0,40% sugli importi eccedenti quelli di cui al precedente punto 1) e non eccedenti il doppio della misura del trattamento minimo del FPLD;
  • 0,35% sugli importi eccedenti il doppio della misura del trattamento minimo del FPLD.

Il codice INPS assegnato è CJ.




NEWS - COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO

In GU le linee guida in materia di collocamento obbligatorio delle categorie protette


Nella Gazzetta Ufficiale dell'11 settembre 2019, n. 213 è stata pubblicata la Direttiva della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 24 giugno 2019, recante "Chiarimenti e linee guida in materia di collocamento obbligatorio delle categorie protette. Articoli 35 e 39 e seguenti del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 - Legge 12 marzo 1999, n. 68- Legge 23 novembre 1998, n. 407- Legge 11 marzo 2011, n. 25".

Al riguardo, viene precisato che coloro che sono stati assunti come persone con disabilità con contratto di lavoro a tempo determinato, usufruiscono del diritto di precedenza qualora abbiano prestato attività lavorativa per un periodo superiore a sei mesi, in caso di assunzioni a tempo indeterminato effettuate dal datore di lavoro entro i successivi dodici mesi, con riferimento alle mansioni già espletate in esecuzione dei rapporti a termine, purché il lavoratore manifesti in tal senso la propria volontà al datore di lavoro entro sei mesi dalla data di cessazione del rapporto stesso.

Qualora l'assunzione a tempo determinato della persona con disabilità sia stata effettuata prescindendo dalla  disabilità si usufruisce comunque del diritto di precedenza, nei termini sopra descritti, per l'assunzione a tempo indeterminato con possibilità di computo nella quota d'obbligo.




NEWS - IMPOSIZIONE FISCALE

I chiarimenti dell'AE sulla fruizione dei benefici fiscali per investimenti indiretti in start up innovative


Com'è noto, al fine di favorire la nascita e lo sviluppo di imprese start up innovative è riconosciuta:

  • una detrazione IRPEF pari al 30% della somma investita nel capitale sociale di una o più start-up innovative direttamente ovvero per il tramite di organismi di investimento collettivo del risparmio che investano prevalentemente in start-up innovative; l’investimento massimo detraibile non può eccedere, in ciascun periodo d'imposta, l'importo di € 1.000.000 e deve essere mantenuto per 3 anni a pena di decadenza;
  • una deduzione dal reddito dei soggetti passivi IRES (diversi da imprese start-up innovative) pari al 30% della somma investita nel capitale sociale di una o più start-up innovative direttamente ovvero per il tramite di organismi di investimento collettivo del risparmio o altre società che investano prevalentemente in start-up innovative; l’investimento massimo deducibile non può eccedere, in ciascun periodo d'imposta, l'importo di € 1.800.000 e deve essere mantenuto per 3 anni a pena di decadenza.

L'Agenzia delle Entrate - con Risposta ad Interpello del 6 settembre 2019, n. 368 - ha chiarito che gli investimenti indiretti in start up innovative effettuati tramite sottoscrizioni parziali di un aumento di capitale scindibile non progressivo della società intermediaria che successivamente utilizza i fondi per sottoscrivere l’aumento di capitale in una start up innovativa, danno diritto agli investitori di beneficiare della detrazione IRPEF ovvero alla deduzione IRES.