Notizie del 10 giugno 2020



NEWS - FINE RAPPORTO DI LAVORO

Siglato nel CCNL Telefonici l'accordo sull'incentivo all'esodo ex lege n. 92/2012


In data 4 giugno 2020 è stato siglato - tra la TIM S.p.A. e la SLC CGIL, la FISTel CISL, la UILCom UIL, la UGL Telecomunicazioni Nazionali e Territoriali unitamente al Coordinamento Nazionale R.S.U. - l’accordo sull’accesso all’esodo, ex art. 4, commi da 1 a 7-ter , legge n. 92/2012.

Per il periodo dalla sottoscrizione del presente accordo fino al 30 novembre 2020, si farà ricorso alla misura di accompagnamento alla pensione, per un numero massimo di 700 dipendenti, aggiuntivo rispetto al numero previsto dall’Accordo del 26 febbraio 2019.

A favore di tali dipendenti, TIM S.p.A. si impegna a corrispondere all’INPS mensilmente un importo corrispondente al trattamento di pensione che spetterebbe loro in base alle vigenti regole, fino alla prima decorrenza utile del trattamento pensionistico, di vecchiaia o anticipato, nonché a versare all’Istituto la contribuzione correlata fino al raggiungimento dei requisiti minimi previsti, secondo quanto previsto dalle norme di legge e dai provvedimenti amministrativi di esse esplicativi.

TIM S.p.A., presenterà nei confronti dell’INPS la domanda di accesso alla prevista procedura, corredata dall’elenco degli interessati (l'INPS provvederà ad effettuare la certificazione del diritto e il calcolo della prestazione di esodo).

Conclusa positivamente la fase di verifica da parte dell’INPS, con emissione del provvedimento di certificazione del diritto e della misura della prestazione, TIM S.p.A. comunicherà al dipendente l’importo iniziale della prestazione la cui accettazione costituisce condizione per la risoluzione consensuale in via transattiva del rapporto di lavoro intercorso, con rinuncia a qualunque diritto, azione o pretesa, presente o futura, attivata o meno, traente origine dallo stesso o dalla sua risoluzione, che il dipendente sottoscriverà in sede sindacale ex art. 2113 del Codice Civile.

L’erogazione del trattamento economico nei confronti del dipendente da parte dell’INPS decorrerà dal 1° giorno del mese successivo al mese di cessazione dal servizio.

A garanzia degli adempimenti di legge TIM S.p.A. rilascerà all’INPS la prevista fideiussione.




NEWS - LAVORO AUTONOMO

Agenti e Rappresentanti di commercio: siglato l'accordo per anticipazione di una quota del FIRR


In data 25 maggio 2020 è stato siglato - tra CONFCOMMERCIO, CONFINDUSTRIA, CONFCOOPERATIVE, CONFAPI, CONFARTIGIANATO, CNA, CASARTIGIANI, CLAAI e FNAARC, FILCAMS CGIL, FISASCAT CISL, UILTUCS, UGL TERZIARIO e USARCI - l’accordo che prevede forme di sostegno agli agenti e rappresentanti di commercio a contrasto dell’epidemia da COVID-19.

Al riguardo, le Associazioni datoriali convenute, hanno valutato favorevolmente la possibilità di riconoscere, da parte della Fondazione Enasarco, all'agente che ne faccia richiesta, in via del tutto eccezionale e in deroga alle disposizioni previste dai rispettivi Accordi Economici Collettivi (AEC) attualmente in vigore, un'anticipazione dell'indennità di risoluzione del rapporto ivi accantonata presso il relativo fondo (FIRR).

Tale anticipazione può essere concessa nella misura lorda massima del 30% delle somme accantonate dall'agente presso il fondo FIRR di Enasarco alla data del 31 marzo 2020.

Il diritto all'anticipazione derivante dal presente accordo potrà essere fatto valere entro il 31 marzo 2021.




NEWS - DECRETO "RILANCIO"

Reddito di emergenza, Catalfo: “Avviate le procedure di pagamento per le prime 67mila domande”


“Oggi l'Inps ha avviato le procedure di pagamento per le prime 67mila domande di Reddito Di Emergenza”: lo ha affermato ieri sera sul proprio profilo Twitter il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Nunzia Catalfo.

Si ricorda che alla misura – introdotta dall'art. 87 del decreto “Rilancio” (D.L. 19 maggio 2020, n. 34) – possono accedere i nuclei familiari in possesso cumulativamente, al momento della domanda e nelle mensilità in cui il beneficio viene erogato, dei seguenti requisiti:

  1. residenza in Italia;
  2. valore del reddito familiare, nel mese di aprile, inferiore all’ammontare del beneficio;
  3. valore del patrimonio mobiliare familiare con riferimento al 2019 inferiore a 10mila euro; tale limite è aumentato di 5mila euro per ogni componente successivo al primo e fino a un massimo di 20mila euro. Il massimale è incrementato di 5mila euro in caso di presenza nel nucleo familiare di un componente in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza; valore Isee inferiore a 15mila euro.




NEWS - EMERGENZA CORONAVIRUS

Rapporto "Iniziative per il rilancio - Italia 2020-2022" le ipotesi per far ripartire il Sistema Paese


In data 8 giugno 2020, il Comitato di esperti in materia economica e sociale presieduto dal dott. Colao ha presentato il Rapporto "Iniziative per il rilancio - Italia 2020-2022”.

In merito agli interventi urgenti da mettere in campo per sostenere la sopravvivenza e la ripartenza delle imprese, il Comitato suggerisce i seguenti punti:

  • escludere il “contagio Covid-19” dalla responsabilità penale del datore di lavoro per le imprese non sanitarie e neutralizzare fiscalmente, in modo temporaneo, il costo di interventi organizzativi (ad es. turnazione, straordinari) conseguenti all’adozione dei protocolli di sicurezza e al recupero della produzione perduta per il fermo, per non penalizzare la competitività dell’impresa e i redditi dei lavoratori;
  • utilizzare la fase attuale per un'attenta e profonda osservazione dello smart working e delle dinamiche ad esso connesse per identificare elementi con cui migliorare la normativa vigente (legge n. 81/2017 ), al fine di renderla perfettamente aderente al nuovo contesto che si sta sviluppando, in cui da un lato c'è la necessità di un'adozione diffusa per questioni anche di sicurezza e dall'altro l'obiettivo di dare a imprese e lavoratori un'opzione, migliorativa sia della produttività sia delle condizioni lavorative. Al fine di evitare utilizzi impropri dello strumento già nell'immediato si raccomanda di definire e adottare un codice etico per la PA e di promuoverlo nel mondo dell'impresa;
  • consentire (in deroga temporanea a Decreto Dignità) il rinnovo dei contratti a tempo determinato in scadenza almeno per tutto il 2020.

Quanto alla necessità di modernizzare il tessuto economico e produttivo del Paese, aumentandone il livello di innovazione e la sostenibilità, viene suggerito di:

  • incentivare l’innovazione tecnologica delle imprese con il ripristino e il potenziamento delle misure di super-ammortamento e iperammortamento previste da Industria 4.0 prevedendo una durata pluriennale degli incentivi (5 anni);
  • aumentare i limiti per gli investimenti previsti per i crediti R&D, ampliare il regime del patent box a ulteriori beni immateriali e incrementare il beneficio previsto (anche ai fini di incentivare il re-shoring ad alto valore aggiunto);
  • rafforzare le misure di sostegno alle start-up e PMI innovative con incremento delle agevolazioni fiscali per l’investimento da parte di individui, società e fondi specialistici (detassazione proventi e aumento dell’ammontare di detrazione e deduzione) e con l’aumento di massimali previsti per gli investimenti annui.

Infine, per quanto attiene lo sviluppo delle competenze per aumentare la produttività, viene suggerito di:

  • incentivare reskilling manageriale per stimolare l’adozione delle competenze necessarie ad adattare i sistemi produttivi alle nuove esigenze post-Covid, attraverso defiscalizzazioni temporanee per la partecipazione a formazione gestionale e per l’assunzione di competenze esterne (inclusi neolaureati) nelle PMI;
  • promuovere lo sviluppo di progetti di qualificazione professionale “di filiera” pubblico-privato, basati su alleanze tra agenzie formative, istituti tecnici, università ed imprese, consentendo agli enti formativi la possibilità di accedere a strumenti negoziali nazionali (ad es. mutuando l’esperienza degli strumenti negoziali pubblici per R&S, come i contratti di sviluppo/accordi di innovazione, da traslare in campo formativo);
  • incentivare la riqualificazione della forza lavoro e dei disoccupati finanziata attraverso fondi specializzati (ad es. “fondo nuove competenze”), prevedendo:
  1. incentivi alle imprese (ad es. defiscalizzazione di spese di formazione, riduzione del cuneo fiscale);
  2. incentivi ai lavoratori (ad es. abolizione divieto di cumulo additivo tra retribuzione e trattamento di cassa integrazione, co-finanziamento acquisto di PC, condizionalità dei sussidi);
  3. utilizzo di programmi formativi di qualità (permettendo in via emergenziale il ricorso a partnership pubblico-privato ove necessario) iv. Sistema di valutazione della qualità dei programmi di formazione (ad es. esiti della formazione su benessere, occupazione e reddito dei lavoratori coinvolti).




NEWS - COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE TELEMATICHE

MLPS: pubblicata la Nota relativa alle COT del I trimestre 2020


In data 9 giugno 2020, il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ha pubblicato la Nota delle Comunicazioni Obbligatorie inerenti al I trimestre 2020.

In tale periodo, le attivazioni dei contratti di lavoro, calcolate al netto delle trasformazioni a Tempo Indeterminato, sono risultate pari a 2 milioni e 565 mila, in calo del 10,3% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente (pari a -294 mila contratti), ed hanno riguardato 2 milioni e 22 mila lavoratori, in calo tendenziale di -6,5%, pari a circa 141 mila individui (con maggiore calo nel mese di marzo).

Considerando anche le trasformazioni a Tempo Indeterminato, pari a circa 155 mila, il numero complessivo di attivazioni di contratti di lavoro raggiunge 2 milioni e 720 mila, in calo del 10,4% (pari a 315 mila attivazioni in meno), rispetto al corrispondente periodo del 2019 (la diminuzione delle attivazioni ha interessato esclusivamente il mese di marzo).

I flussi delle attivazioni dei rapporti di lavoro nel primo trimestre 2020 risentono delle misure di contenimento indotte dall’emergenza epidemiologica da Covid-19.

Considerando i dati mensili all’interno del trimestre, si osserva, infatti, che la diminuzione delle attivazioni ha interessato esclusivamente il mese di marzo, raggiungendo un valore pari a -36,8%, laddove nei primi due mesi dell’anno la variazione tendenziale aveva fatto registrare, invece, un aumento pari al 2,0% (+1,2% nel mese di gennaio e +3,0% nel mese di febbraio).




NEWS - WELFARE

Prevista la flexible benefit 2020 nel CCNL Metalmeccanica e Oreficeria (Industria)


A decorrere dal 1° giugno 2020, le aziende dell’industria metalmeccanica e orafa devono mettere a disposizione dei lavoratori (con contratto a tempo indeterminato non in prova, in forza al 1° giugno o successivamente assunti entro il 31 dicembre 2020 con contratto a termine e almeno tre mesi di anzianità anche non consecutiva nel periodo gennaio-dicembre) strumenti di welfare del valore di € 200,00, da utilizzare entro il 31 maggio 2021.

Tali strumenti di welfare sono aggiuntivi ad eventuali beni e servizi riconosciuti in azienda sia unilateralmente che per accordo collettivo (regolamento, lettera di assunzione o altra modalità) e possono essere volontariamente destinati al Fondo pensione nazionale di categoria Cometa oppure al Fondo di assistenza sanitaria integrativa Metasalute, attraverso il confronto con la RSU sono individuati i beni e servizi da erogare in relazione alle esigenze dei lavoratori, all’organizzazione aziendale o al rapporto con il territorio, finalizzati a migliorare la qualità della loro vita personale e familiare privilegiando quelli con finalità di educazione, istruzione, ricreazione e assistenza sociale e sanitaria o culto.




NEWS - PARI OPPORTUNITÀ

Marittimi: la nuova modalità di trasmissione del rapporto periodico sulla parità uomo-donna


Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali - con comunicato dell'8 giugno 2020 - ha reso noto d'aver pubblicato il form per la compilazione del rapporto periodico sulla parità uomo-donna, nell’ambito del personale marittimo viaggiante.

A decorrere, dunque, dall'8 giugno u.s., per effettuare la trasmissione delle informazioni sulla situazione del personale maschile e femminile marittimo viaggiante, le imprese armatoriali dovranno compilare il rapporto disponibile al seguente link: http://survey.cliclavoro.gov.it/limesurvey/index.php/survey/index/sid/521164/newtest/Y/lang/it.

L’applicativo disponibile al link dovrà essere utilizzato per trasmettere i dati riguardanti il personale di terra.




NEWS - INPS, DENUNCE E COMUNICAZIONI

Per ottenere il REM è necessaria una DSU valida


L'INPS - con comunicato del 5 giugno 2020 - ha ribadito che tra i requisiti richiesti al momento della presentazione della domanda di Reddito di Emergenza è necessaria la presenza di una Dichiarazione Sostitutiva Unica valida.

L'Istituto ha, infatti, precisato che in mancanza della relativa DSU, la domanda non potrà essere accolta.

Le domande possono essere presentate entro e non oltre il 30 giugno 2020, attraverso i seguenti canali:

  • online, dal sito www.inps.it, autenticandosi con PIN, SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) almeno di livello 2, CNS (Carta Nazionale dei Servizi) e CIE (Carta di Identità Elettronica);
  • tramite i servizi offerti dai Patronati.




NEWS - SICUREZZA SUL LAVORO

In G.U. le novità sulla protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da un'esposizione ad agenti cancerogeni o mutageni durante il lavoro


Nella Gazzetta Ufficiale del 9 giugno 2020, n. 145 è stato pubblicato il D.Lgs. 1 giugno 2020, n. 44, recante “Attuazione della direttiva (UE) 2017/2398 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 dicembre 2017, che modifica la direttiva 2004/37/CE del Consiglio, relativa alla protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da un'esposizione ad agenti cancerogeni o mutageni durante il lavoro”.

Nello specifico, viene novellato il D.Lgs. n. 81/2008, prevedendo che “Il medico competente fornisce ai lavoratori adeguate informazioni sulla sorveglianza sanitaria cui sono sottoposti e, ove ne ricorrano le condizioni, segnala la necessità che la stessa prosegua anche dopo che è cessata l'esposizione, per il periodo di tempo che ritiene necessario per la tutela della salute del lavoratore interessato. Il medico competente fornisce, altresì, al lavoratore indicazioni riguardo all'opportunità di sottoporsi ad accertamenti sanitari, anche dopo la cessazione dell'attività lavorativa, sulla base dello stato di salute del medesimo e dell'evoluzione delle conoscenze scientifiche”.




NEWS - AGEVOLAZIONI E INCENTIVI

In G.U. il decreto MiSE con il nuovo tasso per l’erogazione delle agevolazioni a favore delle imprese


Nella Gazzetta Ufficiale del 9 giugno 2020, n. 145 è stato pubblicato il Decreto MiSE 28 maggio 2020 , recante “Aggiornamento del tasso da applicare per le operazioni di attualizzazione e rivalutazione ai fini della concessione ed erogazione delle agevolazioni a favore delle imprese”.

Al riguardo, a decorrere dal 1° giugno 2020, il tasso in commento è pari allo 0,78%.




NEWS - AGEVOLAZIONI CONTRIBUTIVE

Esonero contributivo giovani agricoltori: istruzioni operative per la fruizione


L'INPS - con Circolare del 9 giugno 2020, n. 72 - ha fornito le prime indicazioni operative che devono essere seguite dai coltivatori diretti (CD) e dagli imprenditori agricoli professionali (IAP), che hanno iniziato una nuova attività imprenditoriale agricola, per fruire dell’esonero contributivo previsto dall’articolo 1, comma 503 della legge 27 dicembre 2019, n. 160 (legge di bilancio 2020).

Al riguardo, la legge di Bilancio 2020 - al fine di promuovere l’imprenditoria in agricoltura, ai coltivatori diretti e agli imprenditori agricoli professionali, con età inferiore a quaranta anni - con riferimento alle nuove iscrizioni nella previdenza agricola effettuate tra il 1° gennaio 2020 e il 31 dicembre 2020, riconosce, ferma restando l’aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche, per un periodo massimo di 24 mesi, l'esonero dal versamento del 100% dell'accredito contributivo presso l'assicurazione generale obbligatoria per l'invalidità, la vecchiaia ed i superstiti.

Tale esonero non è cumulabile con altri esoneri o riduzioni delle aliquote di finanziamento previsti dalla normativa vigente.

Sono esclusi dall’agevolazione in commento:

  • il contributo di maternità, per ciascuna unità attiva iscritta alla Gestione agricoli autonomi;
  • il contributo INAIL, dovuto dai soli coltivatori diretti.

La fruizione del beneficio è subordinata alla regolarità ex art. 1, commi 1175 e 1176 , legge n. 296/2006, inerente a:

  • l’adempimento degli obblighi contributivi;
  • l’osservanza delle norme poste a tutela delle condizioni di lavoro;
  • il rispetto degli altri obblighi di legge;
  • il rispetto degli accordi e contratti collettivi nazionali nonché di quelli regionali, territoriali o aziendali, laddove sottoscritti, stipulati dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.




NEWS - PROFESSIONISTI

Emersione rapporti di lavoro: consulenti del lavoro già abilitati


Ieri il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro, con una lettera indirizzata a tutti i Consigli provinciali, ha ricordato che è in vigore sin dal 2007 un apposito protocollo d’intesa (aggiornato poi nel 2009) con i Ministeri dell’Interno e del Lavoro e Politiche Sociali, che abilita i Consulenti del Lavoro alla presentazione delle istanze di regolarizzazione tramite il sistema informatico dello Sportello Unico per l’Immigrazione, per i datori di lavoro da cui abbiano ricevuto delega. Gli iscritti all’albo, previo possesso di SPID, potranno presentare sul portale dedicato del Ministero dell’Interno le domande di regolarizzazione di rapporti di lavoro irregolari con cittadini italiani o stranieri presenti sul territorio nazionale, in virtù del protocollo sottoscritto ancora in corso di validità.